A capo della Bosnia ci sarà un uomo che ha definito il Paese un “concetto fallito“, un “non-Stato” e la capitale Sarajevo “territorio straniero“. Il nazionalista filorusso Milorad Dodik ha battuto il moderato Mladic Ivanic nella corsa al seggio serbo-ortodosso della presidenza tripartita comecomunica il presidente della commissione elettorale Branko Petric, specificando che l’affluenza al voto è stata del 53%. Secondo gli ultimi dati disponibili, basati sull’85% delle schede scrutinate, Dodik era in vantaggio con il 56% dei voti sul rivale. Gli altri due capi dello Stato bosniaco saranno il nazionalista islamico Sefik Dzaferovic per la parte musulmana e il socialdemocratico Zelijko Komsic per quella croata-cattolica.

La presidenza della Repubblica balcanica, secondo gli accordi di Dayton che posero fine alla guerra nel 1995, è infatti un organo collegiale di tre membri, uno per ogni popolazione presente: serbi, bosgnacch(musulmani) e croati. Ciascun membro assume a rotazione la rappresentanza per un periodo di otto mesi. Dodik è il presidente uscente della Republika Sprska, l’entità amministrativa a maggioranza serba che insieme alla Federazione di Bosnia-Erzegovina, a maggioranza musulmano-croata, costituisce lo Stato bosniaco. Si è sempre dichiarato favorevole a una secessione serba, ha definito la Bosnia unita “un’idea nata dai musulmani” e ha sempre manifestato stima nei confronti di Vladimir Putin, con cui si è incontrato più volte. Nel 2016 ha indetto in Republika Sprska un referendum, dichiarato incostituzionale, per rendere festa nazionale il 9 gennaio, data d’inizio della guerra civile tra serbi e croati. Il sì aveva vinto con il 99,81 per cento.

Mladen Ivanic, moderato di centrodestra sfidante di Dodik e membro serbo uscente della presidenza, non ha riconosciuto la sconfitta, chiedendo un riconteggio dei voti. A suo avviso ci sarebbero state delle irregolarità, in particolare nel comune di Zvornik, e ha aggiunto che sono ancora da conteggiare i voti dall’estero. A capo della Republika Sprska è stata invece eletta Zeljka Cvijanovic, premier uscente dell’entità federale, dello stesso partito di Dodik.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Indonesia, il terreno si liquefa dopo il terremoto: case ed edifici trascinati dal fango. Le immagini impressionanti

prev
Articolo Successivo

Jamal Khashoggi, la Turchia ha chiesto all’Arabia Saudita di perquisire consolato: “Riyad garantisca piena collaborazione”

next