A capo della Bosnia ci sarà un uomo che ha definito il Paese un “concetto fallito“, un “non-Stato” e la capitale Sarajevo “territorio straniero“. Il nazionalista filorusso Milorad Dodik ha battuto il moderato Mladic Ivanic nella corsa al seggio serbo-ortodosso della presidenza tripartita comecomunica il presidente della commissione elettorale Branko Petric, specificando che l’affluenza al voto è stata del 53%. Secondo gli ultimi dati disponibili, basati sull’85% delle schede scrutinate, Dodik era in vantaggio con il 56% dei voti sul rivale. Gli altri due capi dello Stato bosniaco saranno il nazionalista islamico Sefik Dzaferovic per la parte musulmana e il socialdemocratico Zelijko Komsic per quella croata-cattolica.

La presidenza della Repubblica balcanica, secondo gli accordi di Dayton che posero fine alla guerra nel 1995, è infatti un organo collegiale di tre membri, uno per ogni popolazione presente: serbi, bosgnacch(musulmani) e croati. Ciascun membro assume a rotazione la rappresentanza per un periodo di otto mesi. Dodik è il presidente uscente della Republika Sprska, l’entità amministrativa a maggioranza serba che insieme alla Federazione di Bosnia-Erzegovina, a maggioranza musulmano-croata, costituisce lo Stato bosniaco. Si è sempre dichiarato favorevole a una secessione serba, ha definito la Bosnia unita “un’idea nata dai musulmani” e ha sempre manifestato stima nei confronti di Vladimir Putin, con cui si è incontrato più volte. Nel 2016 ha indetto in Republika Sprska un referendum, dichiarato incostituzionale, per rendere festa nazionale il 9 gennaio, data d’inizio della guerra civile tra serbi e croati. Il sì aveva vinto con il 99,81 per cento.

Mladen Ivanic, moderato di centrodestra sfidante di Dodik e membro serbo uscente della presidenza, non ha riconosciuto la sconfitta, chiedendo un riconteggio dei voti. A suo avviso ci sarebbero state delle irregolarità, in particolare nel comune di Zvornik, e ha aggiunto che sono ancora da conteggiare i voti dall’estero. A capo della Republika Sprska è stata invece eletta Zeljka Cvijanovic, premier uscente dell’entità federale, dello stesso partito di Dodik.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Indonesia, il terreno si liquefa dopo il terremoto: case ed edifici trascinati dal fango. Le immagini impressionanti

next
Articolo Successivo

Jamal Khashoggi, la Turchia ha chiesto all’Arabia Saudita di perquisire consolato: “Riyad garantisca piena collaborazione”

next