“L’arresto di oggi non mette fine al modello Riace“. Parla così il vicesindaco della cittadina Giuseppe Gervasi, a Effetto Giorno su Radio 24, dopo l’arresto per Domenico Lucano, sindaco di Riace, accusato tra le altre cose di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. “Non me lo aspettavo. È un duro colpo per Riace e per l’idea di accoglienza rivoluzionaria che abbiamo portato avanti”, dice il vice a Radio 24, che spiega: ”Penso che l’arresto di oggi possa essere l’inizio di un nuovo percorso sempre di politiche che mettono al centro le persone che hanno bisogno di aiuto. Io sono stato e sono vicino a Mimmo Lucano per motivi non politici ma umani”. Nel merito della vicenda Gervasi continua a Radio 24: “A noi non ha mai detto nulla. Le leggi si posso condividere o meno, ma la legge, se c’è, va rispettata. Se sono stati commessi errori, è giusto che ci sia una responsabilità da accertare”. E conclude: “Riace resta una terra di accoglienza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini: “Juncker? Parlo solo con persone sobrie. Qualcuno a Bruxelles straparla per comprare le nostre aziende sottocosto”

next
Articolo Successivo

Sondaggi, Lega e M5s mettono insieme il 62 per cento nei giorni della Nota al Def

next