Fu omicidio volontario, non colposo né un incidente come sostiene la difesa. La Corte d’assise di Brescia ha confermato la condanna a 9 anni e 4 mesi per Mirko Franzoni, il giovane di Serle, nel Bresciano, che la sera del 14 dicembre 2013 uccise in strada Eduard Ndoj, ladro albanese di 26 anni, che era entrato in casa del fratello.

I due si incontrarono in strada a distanza di qualche ora rispetto al furto avvenuto nell’abitazione del fratello di Franzoni, che si è sempre dichiarato innocente e ha sostenuto in aula durante il processo di primo grado che il colpo partì accidentalmente durante una colluttazione: “Voleva togliermi dalle mani il fucile ed è partito un colpo. Non volevo uccidere“. Mentre alcuni testimoni dissero che si era trattato di una “caccia all’uomo”.

La tesi difensiva è stata riproposta durante l’udienza svoltasi oggi prima della camera di consiglio dall’avvocato difensore Gianfranco Abate: “Si può discutere se si è trattato di omicidio colposo o di un incidente, ma non certo di omicidio volontario. Ha chiamato i carabinieri per farlo arrestare e non può averlo ucciso dopo aver chiesto aiuto. Non ha senso”.

Il sostituto procuratore generale di Brescia, Giampaolo Volpe, chiedendo la conferma della condanna inflitta in primo grado dove l’accusa fu sostenuta dalla pm Katy Bressanelli. “Ci sono tutti gli elementi per confermare che si è trattato di omicidio volontario – ha detto il pg – senza possibilità di derubricazione in omicidio colposo o in un incidente come sostiene la difesa”. Una posizione condivisa dai giudici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terrorismo, condannato anche in Appello foreign fighter marocchino: confermati 4 anni e sei mesi di carcere

prev
Articolo Successivo

Brindisi, chiesto rinvio a giudizio per ex sindaci Consales e Carluccio. “Promossero una dipendente senza gara pubblica”

next