Asia Argento? Io con lei mi trovo molto bene e penso che sia una delle scelte più azzeccate verso un giudice donna che sia mai stata fatta”. Così, ai microfoni di Rtl 102.5, Fedex, rapper e giudice di X Factor, si pronuncia su Asia Argento. E spiega: “Solitamente c’è sempre stato un problema: il giudice donna cambia ogni anno, perché alcune cose non vanno, a parte Mara Maionchi, che ormai è senatrice. Devo dire che su Asia è stata una scelta azzeccata. Infatti, veramente peccato per la situazione. C’è qualche possibilità che resti tra i giudici di X Factor? Anche se lo sapessi, non potrei dire nulla. Ci sono petizioni per tenerla. Ci sono, ovviamente, delle dinamiche aziendali che vanno prese in considerazione”. Fedez aggiunge: “Io la terrei, perché quando Sky e Freemantle, insieme ad Asia, hanno scelto di comune accordo di non farla più partecipare, la scelta era giustificata dal fatto che tutto lo scandalo che si era creato metteva in ombra la gara in sé. E ci sarebbe stato il rischio che per tutta l’edizione si sarebbe parlato solo del caso Asia e non dei concorrenti. Ad oggi, però” – continua – “la situazione è cambiata radicalmente perché non si parla più di questa roba qua, se ne parla in altri luoghi dove si sono fatti i siparietti trash che si potevano evitare. Si è creata una cosa enorme. Le persone, secondo me, si sono anche un po’ stufate e parlano solo della competenza di Asia come giudice. Se il giudice dev’essere un valore aggiunto e un acceleratore di risultati per i ragazzi, Asia in questo momento incarna perfettamente questi due elementi e quindi non vedo il perché non tenerla”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ponte Morandi, Gino Paoli: “Toninelli? È un cretino, e il suo progetto è una stronzata”

prev
Articolo Successivo

Reddito cittadinanza, De Luca: “Spese morali? Se tutto va bene, si avrà la tazza di latte. Ma scremato”

next