“Ho ereditato il ministero più complesso che ha centinaia di dossier aperti e mai chiusi e gestiti dalla vecchia politica nel peggior modo possibile e se oggi la mia missione è quella della prevenzione, non si previene un terremoto ma i danni, i tecnici e gli ingegneri sono le figure più utili a questo. Nel decreto Genova ci sono molte norme importanti, banche dati sullo stato di salute delle nostre infrastrutture o l’agenzia nazionale che ha all’interno tanti ingegneri che possono andare ad ispezionare a campione le infrastrutture gestite principalmente da privati e dire loro che sono inadempienti perché non stanno mettendo in campo tutto quanto è necessario e previsto per legge e cioè la tenuta in sicurezza e manutenzione ordinaria. Cioè ispettori che possono sanzionare e intimare i concessionari privati. Finalmente lo Stato comincia a fare lo Stato: gestisce, controlla e punisce gli inadempienti”. Così il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli in conferenza stampa al Ministero.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai, l’audizione di Marcello Foa in Commissione Vigilanza. Segui la diretta

next
Articolo Successivo

Rai, l’audizione di Marcello Foa in Vigilanza: “Mai avuto tessere di partito, il mio non è un mandato politico”

next