“Ho ereditato il ministero più complesso che ha centinaia di dossier aperti e mai chiusi e gestiti dalla vecchia politica nel peggior modo possibile e se oggi la mia missione è quella della prevenzione, non si previene un terremoto ma i danni, i tecnici e gli ingegneri sono le figure più utili a questo. Nel decreto Genova ci sono molte norme importanti, banche dati sullo stato di salute delle nostre infrastrutture o l’agenzia nazionale che ha all’interno tanti ingegneri che possono andare ad ispezionare a campione le infrastrutture gestite principalmente da privati e dire loro che sono inadempienti perché non stanno mettendo in campo tutto quanto è necessario e previsto per legge e cioè la tenuta in sicurezza e manutenzione ordinaria. Cioè ispettori che possono sanzionare e intimare i concessionari privati. Finalmente lo Stato comincia a fare lo Stato: gestisce, controlla e punisce gli inadempienti”. Così il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli in conferenza stampa al Ministero.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, l’audizione di Marcello Foa in Commissione Vigilanza. Segui la diretta

prev
Articolo Successivo

Rai, l’audizione di Marcello Foa in Vigilanza: “Mai avuto tessere di partito, il mio non è un mandato politico”

next