Hanno attaccato la parata militare uccidendo 29 persone e ferendone 54. È quello che è successo ad Ahvaz, nel sudovest dell’Iran, dove quattro terroristi hanno aperto il fuoco sui soldati che sfilavano per ricordare l’inizio del conflitto tra Iran e Iraq, con l’invasione del Paese da parte di Saddam Hussein. L’azione è stata rivendicata dal Movimento arabo di lotta per la liberazione di Al-Ahwaz, un gruppo attivo nella regione del Khuzestan, dove si concentra la minoranza araba degli Ahwazi. Una regione ricca di petrolio, dove sono nati vari movimenti d’insurrezione, secondo il governo iraniano sostenuti dall’Arabia Saudita e dagli Usa.

Due dei quattro assalitori sono rimasti uccisi, gli altri due sono stati arrestati.  Secondo l’agenzia Irna erano vestiti con divise militari. “Terroristi reclutati, addestrati e pagati da un governo straniero hanno attaccato Ahvaz”, ha detto il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif. “L’Iran ritiene gli sponsor dei terroristi regionali e i loro padroni statunitensi responsabili di tali attacchi”. Il governo, aggiunge il ministro, “risponderà velocemente e decisamente a difesa delle vite iraniane”. Tra le vittime un giornalista e vari militari, tra cui otto appartenenti al corpo dei Guardiani della rivoluzione.

E a distanza di qualche ora è arrivata la prima dichiarazione del presidente iraniano, Hassan Rohani: “La risposta della Repubblica Islamica dell’Iran alla più piccola minaccia sarà devastante. Coloro che danno sostegno d’intelligence e propaganda a questi terroristi dovranno risponderne”, fa sapere sul proprio sito. “Siamo indignati per questo crimine: l’attacco è un’ulteriore prova della necessità di una guerra senza compromessi contro ogni manifestazione di terrorismo”, ha scritto a Rohani in un telegramma di condoglianze il presidente russo Vladimir Putin.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

New York, tre bambini e due adulti accoltellati in un asilo nido del Queens: sospettata una dipendente di 52 anni

next
Articolo Successivo

Francia, 300mila firme per salvare il lavoro all’autista del bus che ha tirato uno schiaffo ad un ragazzino

next