Un ristorante americano usa la marijuana per sedare le aragoste prima di cuocerle. Il locale, il Charlotte’s Legendary Lobster Pound, si trova nello Stato del Maine, dove la marijuana è legale e la titolare Charlotte Gill ha ottenuto la licenza di coltivazione per ragioni mediche. A riportare la notizia è la Bbc online.

La scelta di sedare i crostacei prima di gettarli nell’acqua bollente – metodo più utilizzato per cucinarli – è stata presa dai gestori del ristorante dopo che diversi studi  hanno accertato la sofferenza delle aragoste. E diversi studi scientifici hanno riportato che anche altri crostacei – come granchi e gamberi – sono in grado di provare dolore.

La titolare ha assicurato che mangiare le aragoste sedate non ha effetti sui clienti. Ma, in ogni caso, la gestione lascia libera scelta ai consumatori che possono decidere se far sedare il crostaceo prima della cottura o no. “Se dobbiamo portare via una vita, abbiamo la responsabilità di farlo nel modo più umano possibile”, ha dichiarato la titolare al giornale locale Mount Desert Islander. Ma non solo, oltre a fare soffrire meno le aragoste, l’impiego della marijuana come sedativo comporta anche una maggiore qualità della carne stessa: “Un incredibile differenza”, secondo la titolare del Charlotte’s Legendary.

È del 2013 lo studio pubblicato sul Journal of Experimental Biology che attraverso impulsi elettrici ha dimostrato che i movimenti dei crostacei al momento dell’immersione nell’acqua bollente non sono riflessi automatici, ma reazioni dovute al dolore.  In Italia, nel gennaio del 2017, la Cassazione aveva dichiarato inammissibile il ricorso presentato da un ristoratore di Campi Bisenzio (Firenze), condannato per maltrattamenti di animali per aver detenuto aragoste e granchi vivi sul ghiaccio con le chele legate, confermando così la sentenza di primo grado emessa dal Tribunale di Firenze.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

A Mosca posso viaggiare in metro e leggere i media occidentali come a casa mia

next
Articolo Successivo

Usa, sparatoria in Maryland vicino a un parco industriale: “Almeno 3 morti e 2 feriti”

next