Il razzo BFR (che sta per ‘Big Fucking Rocket‘, ‘fottuto razzo gigante’) di SpaceX accompagnerà almeno un privato cittadino in volo attorno alla Luna. Lo annuncia su Twitter la compagnia aerospaziale del magnate sudafricano naturalizzato statunitense Elon Musk, che comunica di aver venduto il primo biglietto. L’identità e le motivazioni del passeggero saranno svelate in un apposito evento che sarà trasmetto in diretta streaming lunedì prossimo.

Già a febbraio 2017 Elon Musk aveva annunciato che due persone si erano prenotate per raggiungere la Luna a bordo del suo razzo Falcon Heavy. Il viaggio sarebbe dovuto avvenire entro fine 2018, per celebrare i 50 anni dalla missione Apollo 8. Poi il rinvio al 2019, dovuto al fatto che nel frattempo la SpaceX ha deciso di sviluppare un nuovo vettore, il BFR appunto. Che avrà un’altezza di 106 metri, un diametro di 9 e una capacità di carico di 150 tonnellate, e sarà in grado di raggiungere la velocità massima di 28.968 chilometri orari. Inoltre, sarà completamente riutilizzabile: una “creatura” capace di rendere obsoleti i razzi Falcon.

Ora resta da capire se il misterioso acquirente sia uno dei due che avevano versato un “significativo acconto” (parole di Musk) per viaggiare sul Falcon Heavy. E come spesso accade, l’imprenditore è intervenuto nella discussione scatenata dal tweet della sua compagnia, fornendo un indizio. A un utente che chiedeva “Sei tu il passeggero, vero, Elon?”, Musk ha rispoto con l’emoji di una bandiera giapponese, ad indicare, forse, la nazionalità del futuro viaggiatore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marte, astronavi interplanetarie gru spaziali e robot per costruire igloo ai poli. Così l’uomo conquisterà il Pianeta Rosso

prev
Articolo Successivo

Elon Musk, il primo “turista spaziale” è il giapponese Yusaku Maezava: nel 2023 andrà sulla Luna

next