Sulla prescrizione, rimane l’idea di una sua “interruzione al momento della condanna in primo grado”, e una riforma in tal senso dovrebbe essere presentata “entro la fine dell’anno”. Così il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, in conferenza stampa a Palazzo Chigi. Bonafede ha sottolineato che “nel contratto di governo c’è l’indicazione molto chiara sulla prescrizione, che è una riforma necessario ed essenziale”, ma che “crea un impatto molto importante sull’attuale sistema giudiziario“. Di conseguenza, anche nel contratto di governo è scritto che “la prescrizione andava di pari passo con gli investimenti nel settore della giustizia”. “Posso dirvi che, proprio in coerenza con il contratto, entro la fine dell’anno, ci sarà la nostra proposta”, ha concluso Bonafede.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili