Sulla prescrizione, rimane l’idea di una sua “interruzione al momento della condanna in primo grado”, e una riforma in tal senso dovrebbe essere presentata “entro la fine dell’anno”. Così il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, in conferenza stampa a Palazzo Chigi. Bonafede ha sottolineato che “nel contratto di governo c’è l’indicazione molto chiara sulla prescrizione, che è una riforma necessario ed essenziale”, ma che “crea un impatto molto importante sull’attuale sistema giudiziario“. Di conseguenza, anche nel contratto di governo è scritto che “la prescrizione andava di pari passo con gli investimenti nel settore della giustizia”. “Posso dirvi che, proprio in coerenza con il contratto, entro la fine dell’anno, ci sarà la nostra proposta”, ha concluso Bonafede.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ddl anticorruzione, Conte: “Salvini assente? Si è giustificato. Nessuna distanza su questo provvedimento”

prev
Articolo Successivo

Conte ironizza sulla corsa per una cattedra alla Sapienza: “Rinuncio all’esame di inglese. Certo, ho incontrato Trump…”

next