Sulla prescrizione, rimane l’idea di una sua “interruzione al momento della condanna in primo grado”, e una riforma in tal senso dovrebbe essere presentata “entro la fine dell’anno”. Così il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, in conferenza stampa a Palazzo Chigi. Bonafede ha sottolineato che “nel contratto di governo c’è l’indicazione molto chiara sulla prescrizione, che è una riforma necessario ed essenziale”, ma che “crea un impatto molto importante sull’attuale sistema giudiziario“. Di conseguenza, anche nel contratto di governo è scritto che “la prescrizione andava di pari passo con gli investimenti nel settore della giustizia”. “Posso dirvi che, proprio in coerenza con il contratto, entro la fine dell’anno, ci sarà la nostra proposta”, ha concluso Bonafede.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl anticorruzione, Conte: “Salvini assente? Si è giustificato. Nessuna distanza su questo provvedimento”

next
Articolo Successivo

Conte ironizza sulla corsa per una cattedra alla Sapienza: “Rinuncio all’esame di inglese. Certo, ho incontrato Trump…”

next