All’IFA di Berlino gli elettrodomestici intelligenti sono forse i più grandi protagonisti, e tra le novità del 2018 spicca il nuovo LG Styler. Si tratta di un armadio intelligente, ovviamente controllabile tramite app per smartphone anche a distanza.

Ma che cosa fa un armadio intelligente? Ebbene, LG Styler fa diverse cose per prendersi cura dei propri abiti. Basta appendere al suo interno i capi a cui vogliamo “dare una rinfrescata” e selezionare il programma desiderato.

Una delle opzioni possibili è una sorta di lavaggio a secco: all’interno dell’LG Styler c’è un serbatoio per l’acqua, con cui si genera il vapore che poi pulisce gli abiti – sempre che non siano troppo sporchi ovviamente. È anche possibile inserire dei foglietti aromatici, per chi lo gradisce.

Presenti all’appello anche un programma per la deumidificazione e uno per l’asciugatura vera e propria – c’è un secondo serbatoio per raccogliere l’acqua in questo caso. Ogni programma ha poi alcune varianti, come per esempio lana o sintetici. La maggior parte dei programmi si concludono entro un’ora, tranne la deumidificazione delicata che richiede circa 120 minuti. E all’occorrenza può anche stirare.

L’unica pecca è lo spazio relativamente limitato. Un abito completo, magari con l’aggiunta di un paio di camicie, ed ecco che lo Styler è già pieno. In altre parole, non ci si può svuotare dentro la lavatrice sperando di tirare fuori tutto stirato e profumato – sarebbe fantastico ma per quello dobbiamo aspettare ancora un po’. D’altra parte è la novità dell’anno, e senz’altro seguiranno versioni sempre migliori.

LG Styler è un oggetto abbastanza compatto, che si può inserire dentro un armadio tradizionale – occupa lo spazio di un’anta – o anche in ufficio; pare che uno dei dirigenti di LG Italia ne abbia voluto uno proprio per il suo ufficio milanese.

Ovviamente LG Styler è un oggetto smart, quindi lo si può controllare tramite applicazione per smartphone ma anche con comandi vocali. Ed eventualmente lo si può controllare a distanza: potete metterci per esempio i vestiti che volete usare la sera a cena e poi far partire il ciclo giusto in tempo per trovarli pronti all’uso quando arrivate a casa. Inoltre è possibile scaricare nuovi programmi, che in futuro potrebbero ampliare le possibilità offerte da questo oggetto.

L’esempio fatto da LG è quello della grigliata con gli amici; gli abiti forse non sono macchiati (con un po’ di fortuna) ma l’odore di carne arrosto non è più tanto delizioso dopo qualche ora o il giorno dopo. Invece di usare la lavatrice si può ricorrere a LG Styler, e avere i capi pronti in poco tempo come se fossero passati in lavanderia. In molti contesti potrebbe fare tutta la differenza del mondo.

LG metterà in commercio la Styler dal prossimo novembre, inizialmente solo in Corea e altri paesi asiatici. Ci vorrà più tempo per vederlo in Europa, mentre il prezzo per ora non è stato comunicato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Polaroid Mint 2-in-1: non solo scatti fotografici ma anche stampa in Bianco e Nero, Seppia o Colore

prev
Articolo Successivo

LG G7 Fit: lo smartphone che combina design, prestazioni e prezzo concorrenziale

next