Dopo aver monitorato per giorni l’attività di braccianti stranieri impiegati nella raccolta di pomodori alla periferia di Foggia, poliziotti e carabinieri hanno arrestato un presunto caporale di 40 anni, Drissa Diawara, con le accuse di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento di auto di servizio. L’uomo è stato fermato alla guida di un furgone fatiscente e senza finestrini, a bordo del quale c’erano 15 braccianti di origini africane. Gli investigatori hanno ricostruito la giornata lavorativa dei braccianti, che cominciava alle 6 quando arrivavano in località Sprecacenere a bordo di un furgone bianco. L’uomo che guidava il mezzo, secondo quanto accertato dagli investigatori, era il caporale, lo stesso che controllava il lavoro sui campi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salvini, arrestati i ladri che hanno rubato a casa dei genitori: è “la banda della colla” legata alla criminalità georgiana

prev
Articolo Successivo

Roma, crolla la volta della chiesa in centro. Le immagini di San Giuseppe dei Falegnami dalla navata e dall’alto

next