Dopo aver monitorato per giorni l’attività di braccianti stranieri impiegati nella raccolta di pomodori alla periferia di Foggia, poliziotti e carabinieri hanno arrestato un presunto caporale di 40 anni, Drissa Diawara, con le accuse di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento di auto di servizio. L’uomo è stato fermato alla guida di un furgone fatiscente e senza finestrini, a bordo del quale c’erano 15 braccianti di origini africane. Gli investigatori hanno ricostruito la giornata lavorativa dei braccianti, che cominciava alle 6 quando arrivavano in località Sprecacenere a bordo di un furgone bianco. L’uomo che guidava il mezzo, secondo quanto accertato dagli investigatori, era il caporale, lo stesso che controllava il lavoro sui campi

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini, arrestati i ladri che hanno rubato a casa dei genitori: è “la banda della colla” legata alla criminalità georgiana

next
Articolo Successivo

Roma, crolla la volta della chiesa in centro. Le immagini di San Giuseppe dei Falegnami dalla navata e dall’alto

next