United colors della vergogna. Dovrebbero cambiare così lo slogan planetariamente famoso. Come ha scritto il direttore Peter Gomez nel suo coraggiosissimo pezzo: “Troppo importanti gli investimenti pubblicitari dei Benetton, perché editori e direttori ricordassero quale era il loro dovere (…) Dal 2015 chi lavorava sotto il ponte era costretto a ripararsi dalla caduta di pezzi di ferro con delle reti. Le segnalazioni ad Autostrade erano rimaste senza seguito”.

E come ha chiesto il mio direttore aspettiamo che Alessandro Benetton, chairman del gruppo, almeno chieda scusa (come se potessero bastare) alle famiglie delle vittime, alla città di Genova. E che intanto vada a scavare con le sue manine tra le macerie anziché passeggiare su e giù per le vette ampezzane, visto che da un anno è anche presidente di Fondazione Cortina 2021, stanza dei bottoni per l’organizzazione del mondiale di sci.

#UnCaffèConAlessandro è invece la sua rubrica lanciata sul profilo Facebook. Parole che a rileggerle oggi fanno veramente incazzare: “Cominciamo con un tema a me molto caro: gli eventi sportivi internazionali, fondamentali per lo sviluppo del nostro Paese (la manutenzione dei ponti no?). È arrivato il momento di investire in maniera sostanziale per portarli nelle nostre città: alla vigilia delle Olimpiadi invernali Pyeong Chang 2018 vi mostro come Cortina 2021 è vitale per un territorio come il nostro”. Gli diamo ancora credito?

E visto che ci siamo voglio il mea culpa anche di Romano Prodi e Massimo D’Alema. A loro viene fatta risalire la concessione alla famiglia Benetton. Concessione poi “allungata” dall’ex premier Matteo Renzi. “Ma fanno ancora pullover?”, si chiede la signora dei salotti palermitani Rosalina Messina Vitrano. Se facevano ancora maglie e pullover, non facevano crollare i ponti. Per quanto mi riguarda non indosserò mai più un pullover Benetton. Fate lo stesso.

Pagina Facebook
#dilloajanuaria

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sul ponte crollato c’era un immigrato venditore ambulante che ballava il tip tap!

next
Articolo Successivo

La mia vita è una vera pacchia. Reportage dal mondo di un privilegiato

next