Alcuni degli oltre seicento abitanti dei palazzi situati vicino al ponte crollato a Genova, costrette a lasciare le loro abitazioni a rischio e in previsione dei lavori di demolizione del viadotto Morandi della A10.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Autostrade, in Europa nessun segreto di stato sulle concessioni. E la Francia pubblica online i contratti

prev
Articolo Successivo

Ponte Morandi, il crollo mette in ginocchio il porto: “Così muore l’economia della città”

next