Una denuncia contro ignoti per omissione d’atti d’ufficio, istigazione alla disobbedienza e tentata epidemia. È quella che hanno presentato una coppia di genitori di Treviso. La figlia della coppia, vaccinata ma con un deficit immunitario, era stata costretta a restare a casa dalla materna per non subire il contagio di una malattia infettiva contratta da due compagni di classe non vaccinati.

I fatti risalgono al maggio scorso, ma la denuncia, contro ignoti, è stata depositata in procura in questi giorni. “La scuola doveva allontanare i minori perchè nel maggio 2018 sussisteva l’obbligo di vaccinazione come requisito d’accesso alla materna”, si sostiene nella denuncia. La bambina costretta a non frequentare l’asilo è una paziente trapiantata. L’atto giudiziario non è contro soggetti identificati perchè la famiglia non ha potuto acquisire le necessarie informazioni circa la trasmissione delle eventuali autocertificazioni prodotte dai genitori dei due piccoli non vaccinati.

“La scuola – continua la denuncia – doveva allontanare i minori perchè nel maggio 2018 sussisteva l’obbligo di vaccinazione come requisito d’accesso alla materna”. La bambina – ha spiegato la madre all’agenzia Ansa – è una paziente trapiantata ma era già stata sottoposta al primo vaccino risultando ‘non-responder‘ (persone che non producono anticorpi dopo il vaccino). Non poteva essere sottoposta al secondo vaccino, cosa che la avrebbe esposta al contagio della malattia, in questo caso la varicella.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, la denuncia di una donna 50enne: “Violentata per ore da mio figlio. Si è drogato mentre ero sua prigioniera”

prev
Articolo Successivo

Roma, soglie massime di reddito più basse per gli alloggi temporanei: esclusa la metà dei precedenti aventi diritto

next