Il processo “Costa Pulita” contro la cosca Mancuso si è concluso con 29 condanne e una sola assoluzione. La sentenza è stata emessa oggi dal gup di Catanzaro che, tra gli altri, ha condannato a due anni di carcere anche l’ex sindaco di Briatico Andrea Niglia accusato di corruzione elettorale aggravata dalle modalità mafiose. Eletto presidente della Provincia di Vibo il 28 settembre 2014, con l’appoggio dei renziani del Pd, esponenti di Ncd, Forza Italia e Fratelli d’Italia, il nome di Andrea Niglia era finito nell’inchiesta a causa di un’intercettazione dove si faceva riferimento a una promessa di posti di lavoro in cambio di voti per le elezioni comunali di Briatico nel 2010.

All’epoca, infatti, Niglia era candidato a sindaco e, stando alle indagini, per ottenere un vantaggio elettorale avrebbe offerto o promesso a Vincenzo Francesco Accorinti, fratello del capo cosca Nino Accorinti, l’assunzione del figlio Franco all’interno dell’Italcementi Spa di Vibo Marina. Inoltre, sempre Niglia avrebbe assicurato “la nomina alla carica di assessore di soggetti graditi alla cosca Accorinti, quali Salvatore Prostamo (condannato a 8 anni per associazione mafiosa, ndr) e Domenico Guglielmo Marzano (quest’ultimo anche con la carica di vice sindaco) in cambio del sostegno elettorale da parte del sodalizio criminale”.

Oltre all’ex presidente della Provincia, il gup di Catanzaro ha condannato sempre a 2 anni di carcere, ma per concorso esterno con la ‘ndrangheta, l’ex sindaco di Briatico Francesco Prestia. Quattro anni, invece, all’ex consigliere comunale Sergio Bagnato. A tutti e tre i politici locali, il gup ha concesso la sospensione della pena. Condanne più pesanti (fino a 14 anni di reclusione) sono state inflitte ai vertici della cosca Accorinti  finita, nell’aprile 2016, al centro dell’inchiesta “Costa Pulita” con la quale la Dda di Catanzaro ha fatto luce sulle infiltrazioni mafiose nel tessuto sociale, politico ed imprenditoriale di Briatico e Parghelia, centri costieri del vibonese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Carceri, i numeri dicono che non c’è un’emergenza criminalità legata agli immigrati

prev
Articolo Successivo

Pamela Mastropietro, Oseghale confessa: “L’ho fatta a pezzi. È morta per un malore dopo aver assunto droga”

next