Un’ondata di caldo senza precedenti sta mettendo in ginocchio il Giappone. A Kumagaya, a circa 80 chilometri a nord di Tokyo le temperature hanno raggiunto i 41,1 gradi: si tratta del livello più alto mai registrato dall’Agenzia meteorologica nazionale. Il record precedente risaliva al 12 agosto del 2013 nella città di Shimanto, nella prefettura di Kochi a sud ovest dell’arcipelago, con 41 gradi.

Le vittime, dall’inizio dell’ondata di caldo, sono 40, 11 delle quali sono decedute nella sola giornata di sabato. Migliaia di persone, in gran parte anziani, sono state ricoverate negli ospedali del Paese. A Tokyo è stato impiegato un numero eccezionale di ambulanze, oltre 3mila, per gestire la situazione di criticità.

Secondo l’ultimo bollettino meteo, un fronte di alta pressione manterrà le temperature sui livelli massimi almeno fino all’inizio di agosto e l’Agenzia ha diffuso l’allerta meteo in 39 delle 47 prefetture dell’arcipelago.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cuba, approvata riforma costituzionale: sparisce la parola “comunismo” e si riconosce la proprietà privata

prev
Articolo Successivo

In città come nel far-west, i banditi assaltano la diligenza: pullman Flixbus depredato in movimento

next