“Boeri? Tenete presente che io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì, quindi noi più che dire, come un normale cittadino, si dovrebbe dimettere non possiamo dire”. Non si placa lo scontro tra Luigi Di Maio e Tito Boeri, presidente Inps, che ieri ha partecipato all’audizione, a Montecitorio, sul decreto dignità e dopo le polemiche scaturite dalla ‘manina’, ovvero le stime del calo degli occupati a tempo determinato, conseguenza delle norme contenute dal decreto fortemente voluto dal ministro Di Maio.
Ieri Boeri si è difeso dalle accuse, ma per il ministro del Lavoro e allo Sviluppo Economico “ora il piano è un altro – e spiega – se il Presidente dell’Inps ha delle idee diverse dalle mie ha tutto il diritto di dirlo, però se poi cominciamo a dire che io mi sto distaccando dalla crosta terrestre allora qui stiamo andando oltre – e aggiunge – se poi queste persone, sono nominate dai governi precedenti, a me viene il sospetto che più che fare l’istituto, si sta facendo opposizione al governo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Tito Boeri, il tecnico ‘super partes’ che si schiera con il Capitale

next
Articolo Successivo

Decreto dignità, perché quelle del governo secondo me sono solo chiacchiere

next