Non c’è stato niente da fare per un 47enne di Larino (provincia di Campobasso): al suo arrivo all’ospedale di San Giovanni Rotondo a Foggia, i medici ne hanno accertato la morte celebrale. L’odissea dell’uomo è iniziata quando, avvertito un malore, l’ambulanza del 118 ha tardato a prestare soccorso perché impegnata in un altro intervento. Quando il mezzo è arrivato, i sanitari si sono diretti all’ospedale San Timoteo di Termoli. Ma la Tac era in manutenzione programmata – quindi ferma per qualche ora – per cui i medici hanno disposto il trasferimento alla struttura di Foggia.

Il sindaco di Larino, Pino Puchetti, ha sottolineato le criticità dell’offerta sanitaria per il Basso Molise, specialmente nel periodo estivo e per quanto riguarda l’emergenza-urgenza. Ricorda anche che sono ormai due mesi che il Molise non ha un commissario ad acta alla sanità. “Vogliamo andare rapidamente a fondo su questa vicenda. Non è possibile morire per cattiva organizzazione e sostanziale mancanza di assistenza” ha dichiarato la ministra della Salute, Giulia Grillo, che inviato ha inviato in Molise una task force per accertare i fatti. “Intanto, desidero esprimere la mia vicinanza ai familiari dell’uomo scomparso” ha concluso la ministra.

Gli esperti inviati da Roma, con i Carabinieri del Nas, rimarranno in Molise il tempo necessario ad “acquisire documenti, atti e ogni elemento utile a fare completa chiarezza rispetto all’accaduto. L’episodio servirà a fare luce sul percorso di cura in ambito neurologico. Occorre accertare le inefficienze organizzative, le eventuali responsabilità personali degli operatori, ma anche gli eventuali errori causati da cattiva programmazione della politica regionale” si legge in una nota dal Ministero.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dalla lotta al cybercrime a quella contro la pedopornografia: la Polizia postale compie 20 anni

prev
Articolo Successivo

Venezia, turista derubato scrive una lettera al ladro: “Ho il cancro, è il mio ultimo viaggio, ma ti perdono”

next