Il dritto e il rovescio di una notizia che stupisce, rallegra e fa però pensare. Quattro atlete, tutte e quattro italiane di colore, hanno vinto l’oro della staffetta 4X400 ai Giochi del Mediterraneo.  Ragazze fortissime, che hanno issato sul podio la bandiera del Paese che le ha accolte e del quale sono divenute cittadine e protagoniste. È l’Italia aperta al mondo che sconfigge quella che oggi si vuol chiudere, s’è detto. È il Paese che offre opportunità e in cambio ne riceve l’onore più grande: vederle vincere, raccogliere nelle mani quell’oro che consacra la loro integrazione, un successo comune. E nei giorni scorsi abbiamo ascoltato le parole di orgoglio e di dignità di un altro nostro concittadino, Aboubakar Soumahoro, che ha rivendicato la morte di quel suo compagno colpito dal fuoco razzista di un italiano nelle campagne calabresi e ricordato a noi le migliaia di braccianti, italiani e no, clandestini e no, la loro fatica, la schiavitù praticata contro i poveri, gli ultimi. Abbiamo ascoltato le sue parole fiere, contenti che finalmente ci fosse uno, uno solo, capace di parlare il linguaggio della dignità, della semplicità e della verità e orgoglioso di farlo. Aboubakar è del Mali, come il suo “fratello” ucciso, riportato in patria dopo una colletta fortunata. Le atlete sono nate chi in Nigeria, chi in Sudan, chi a Cuba. Il rovescio della medaglia è che abbiamo bisogno di eroi in questo tempo così povero e triste, così pieno di parole violente e di paura e li cerchiamo altrove. Li cerchiamo con la pelle scura, lontani dalla nostra vita, perfetti nell’orgoglio e nell’onore che forse sentiamo di aver perduto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cosa ce ne facciamo dell’Europa se mette le mani in tasca?

prev
Articolo Successivo

Un solo giorno da migrante per Matteo Salvini

next