Il titolo Fiat Chrysler Automobile vola a Piazza Affari dopo le voci di un’offerta che la sudcoreana Hyundai sarebbe pronta a lanciare durante l’estate e comunque prima dell’assemblea degli azionisti di maggio 2019, quando Sergio Marchionne lascerà le redini del gruppo automobilistico italo-americano. In apertura di scambi le azioni di Fca sono arrivate a 17 euro, con un rialzo massimo del 5,4%, per poi ripiegare intorno al 3% durante la giornata.

L’indiscrezione sulla possibile opa da parte del gruppo sudcoreano è stata riportata dall’Asia Time, secondo cui l’amministratore delegato di Hyundai, Chung Mong-koo, sta aspettando un calo delle azioni di Fiat Chrysler prima di lanciare un’offerta di acquisto. L’interesse del gruppo sudocreano per Fca è stato però smentito da un portavoce della Hyundai, che ha parlato di voci senza fondamento.

Sempre Asia Times rivela che un ruolo chiave nella possibile fusione tra Fiat e Hyundai potrebbe essere giocato dal fondo Elliott di Paul Singer, che è azionista di Hyundai in cui ha investito 1 miliardo di dollari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bollette, “da luglio l’energia elettrica rincara del 6,5% e il gas dell’8,2%. Pesa l’aumento del prezzo del petrolio”

prev
Articolo Successivo

Comprare un’auto, dal concessionario a Whatsapp. Oggi le macchine si acquistano sui social

next