Non solo viaggi per il mondo e conferenze pagate: nella nuova vita di Matteo Renzi potrebbe esserci spazio anche per la conduzione sul piccolo schermo. L’ex segretario del Partito democratico “sta valutando un progetto televisivo sulla città di Firenze che gli ho proposto, un programma ambizioso”. Parole del produttore televisivo Lucio Presta, che conferma le indiscrezioni delle ultime ore: dopo la ormai celebre apparizione alla Ruota della fortuna nel 1994, il “senatore semplice”, come ha tenuto a definirsi negli ultimi mesi, è pronto a tornare in televisione, questa volta come inedita guida turistica.

Presta ha detto di essere al lavoro su un nuovo format televisivo che racconterà la storia e le bellezze della città culla del Rinascimento. E ha confermato che la sua intenzione è quella di affidarne la conduzione all’ex premier “perché Matteo è nato a Firenze, ci ha vissuto, la conosce a fondo, ne è stato sindaco, ci ha portato i potenti del mondo. Credo deciderà a breve ma ciò non implica, immagino, che abbandoni la politica”. Il manager ha già presentato il progetto al Comune di Firenze per le location e, secondo LaPresse, i primi ciak sono già scattati nel fine settimana scorso a Firenze.

Manca ancora l’accordo per la messa in onda, ma dallo staff di Renzi smentiscono che possa essere Netflix il destinatario: “Non mi risulta alcun progetto di Matteo Renzi con Netflix. Oggi sarà in aula al Senato, come tutte le settimane, a discutere del decreto terremoto“, ha detto il portavoce Marco Agnoletti. Il programma dovrebbe infatti essere destinato a un canale in chiaro della televisione tradizionale, ma la dichiarazione di Agnoletti conferma implicitamente che i contatti sono più che avviati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Razzi: “Vitalizio? Prendo 2600 euro netti. Mica posso morire di fame dopo tanti anni di lavoro”. Poi l’appello a Berlusconi

next
Articolo Successivo

Migranti, i dubbi di De Falco (M5s): “Ora verificare diritti umani in Libia e la loro capacità di coordinare i soccorsi”

next