Referendum alla Lamborghini sul nuovo patto integrativo. Il quesito è uno: voi dipendenti preferite una busta paga più ricca oppure qualche ora in più di tempo libero? La consultazione si svolgerà fra tre giorni nella sede dell’azienda a Sant’Agata Bolognese e il rinnovo del contratto per il 2018 prevede proprio la possibilità di usufruire di cinque giorni di permessi aggiuntivi oppure, in alternativa, di lavorare in cambio della corrispondente quota di stipendio. “Si ottiene il diritto per i lavoratori in difficoltà con le ferie ad accedere, autofinanziandoli, fino a 5 giorni di ‘permessi speciali'”, spiega la Fiom Cgil di Bologna in una nota. In pratica, quindi, i lavoratori potranno scegliere tra più soldi o più ferie.

Tra le altre misure previste dall’ipotesi di accordo, 150 assunzioni a tempo indeterminato da effettuarsi tra luglio 2018 e aprile 2019, l’incremento del premio di risultato, che passa da 2700 euro del 2017 ai 3000 euro, e un “piano straordinario di formazione – retribuita e in orario di lavoro – per tutti i dipendenti di Automobili Lamborghini sui contenuti della Costituzione della Repubblica Italiana”. Il contratto, inoltre, stabilisce che una quota, (individuata nel 10%) della media dei premi erogati nei prossimi anni, confluisca in un ‘bonus annuale’, “sulla base di un principio di ridistribuzione dei positivi risultati attesi in termini di produttività e redditività“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lunga marcia delle Terre mutate, 12 giorni sui sentieri dei pastori e delle macerie: “Terremoto parte dell’identità”

next
Articolo Successivo

Erasmus, precarietà e sradicamento. La nuova leva obbligatoria

next