“Se Orban non vuole le quote deve essere multato”. Nel giorno del vertice tra il premier Giuseppe Conte e Angel Merkel, il presidente della Camera M5s Roberto Fico si è esposto sul tema migranti condannando la linea del primo ministro ungherese. Una posizione in contrasto con il vicepremier Matteo Salvini, che invece ha sempre detto di voler operare insieme a Orban e ne ha difeso le politiche di chiusura delle frontiere. “Dobbiamo ridiscutere il regolamento di Dublino che è fondamentale”, ha detto invece Fico a margine di un convegno a Napoli. “Dobbiamo ridiscuterlo con la Francia e con la Germania, mettendo fuori le posizioni estreme di Orban che non vuole le quote. Ma chi non vuole le quote allora deve avere le multe”.

La parole di Roberto Fico sono contrarie alla linea tenuta fino a questo momento dal ministro dell’Interno Matteo Salvini. L’ultima dichiarazione risale al 5 giugno: “Ho avuto”, aveva dichiarato, “una telefonata lunga e cordiale con Viktor Orban con cui lavoreremo per cambiare questa Europa“. Ma anche in campagna elettorale il leghista ha sempre sostenuto la linea di Orban come un modello da prendere ad esempio: “Dobbiamo semplicemente guardare agli altri popoli europei che difendono le proprie aziende, i propri lavoratori, i propri studenti, il proprio futuro i propri confini”, aveva detto durante un comizio a Udine. Fico dentro il Movimento rappresenta l’anima che più spinge per politiche di “cooperazione, dialogo e accoglienza”. Da quando ricopre il ruolo di presidente della Camera ha dosato con grande attenzione le dichiarazioni, evitando di entrare in polemiche con il governo e cercando di mantenere la sua posizione istituzionale. Nonostante ciò si è fatto notare per alcuni interventi: intanto per la visita alla baraccopoli di San Ferdinando, dove viveva Soumayla Sacko, il sindacalista assassinato il 2 giugno scorso, dove è stato ricevuto dal leader sindacalista Aboubakar Soumahoro. Poi, l’8 giugno scorso, ha deciso di ricevere una delegazione di Medici senza frontiere.

Intanto oggi Salvini, invitato su Telelombardia a commentare le parole di Papa Francesco in solidarietà a rifugiati e migranti, ha replicato dicendo che presto incontrerà il Pontefice. “Probabilmente avrò l’onore di incontrarlo questa settimana. Questo mi riempie di gioia”, ha detto. “Giustamente lui parla alle anime, parla del bene supremo, di tutti. Noi che siamo più piccoli e molto più legati ai problemi terreni ai rifugiati garantiamo il necessario ma a coloro che non scappano dalla guerra ma che pensano che in Italia ci sia casa e lavoro per tutti ci permettiamo di dire, come fanno i francesi, gli spagnoli, gli austriaci, che non ce la facciamo ad aiutare tutti“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Finanziamento alla politica, Di Maio: “Bilanci pubblici per partiti-fondazioni e registro donazioni”. Stadio, Fico: “Durezza massima”

prev
Articolo Successivo

Governo Conte, partenza con la “luna di miele”: gradimento al 57%. Sui migranti respingimenti soluzione per uno su 2

next