Da quasi 15 anni continua a mandare immagini spettacolari della superficie marziana. Ma c’è preoccupazione alla Nasa per le sorti del rover Opportunity: una violenta tempesta di sabbia su Marte lo ha costretto a sospendere il lavoro di esplorazione. Comparsa all’orizzonte il primo giugno, la tempesta in pochi giorni ha oscurato il cielo, coprendo un’area più grande del continente nordamericano e impedendo ai pannelli solari del rover di funzionare e ricaricare le batterie.

Gli esperti della Nasa fanno sapere che le operazioni scientifiche del rover sono al momento sospese, ma che sono riusciti a mettersi in contatto con Opportunity il 10 giugno mattina, segno che le sue batterie hanno ancora abbastanza carica per comunicare con il centro di controllo del Jet Propulsion Laboratory (Jpl). Il rischio, infatti, temono gli ingegneri dell’Agenzia spaziale americana, è che il rover si raffreddi troppo e le sue batterie si esauriscano, se la tempesta dovesse continuare a lungo.

Opportunity è già sopravvissuto ad una tempesta di sabbia nel 2007, ma in questi giorni le condizioni su Marte sono peggiori di allora, hanno spiegato gli esperti. La Nasa continuerà a monitorare le condizioni del rover nei prossimi giorni attraverso la rete globale di parabole, il Deep Space Network, utilizzata dalle agenzie spaziali per comunicare con le sonde in giro per il Sistema Solare. Giunto su Marte il 25 gennaio 2004, tre settimane dopo il gemello Spirit che ha interrotto i contatti con la Terra nel 2010, Opportunity doveva restare in funzione solo 90 giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parkinson, “così la vitamina B3 riesce a fermare la morte dei neuroni”

prev
Articolo Successivo

Terremoti, “previsione delle scosse sempre più vicina: nuovi test ne calcolano la probabilità”

next