Quello che è rimasto delle macerie della Strage della stazione di Bologna, 85 morti e 200 feriti il 2 agosto 1980, si può trovare in un’ex caserma del capoluogo emiliano, la San Felice di via Prati di Caprara. I detriti occupano una parte di un cortile della struttura, uno spazio di 80 metri di lunghezza, tre di larghezza e uno e mezzo di altezza. Sono lì dal settembre 1980. All’esterno, esposti alle intemperie e coperti dalla vegetazione.

La circostanza, apprende l’Ansa, emerge dagli atti del processo in corso a Bologna a carico di Gilberto Cavallini, ex Nar accusato di essere il quarto esecutore materiale dell’attentato a 38 di distanza. La corte di Assise ha disposto una perizia chimico-esplosivistica sull’ordigno, chiedendo di rileggere gli atti alla luce delle conoscenze odierne e di cercare, se esistenti e conservati, frammenti utilizzabili per le analisiIl processo è inziato il 21 marzo scorso e nelle scorse udienze sono sentiti gli ex Nar Luigi Ciavardini e Francesca Mambro.

La polizia giudiziaria ha fatto accertamenti e ha riferito delle condizioni in cui sono ‘custoditi’ i resti della stazione distrutta. L’ex caserma è in carico al 6/o reparto infrastrutture del Demanio e dal 2007 è in concessione al Corpo militare della Croce Rossa. L’accesso all’area, ha segnalato il Demanio, è difficoltoso se sprovvisti di mezzi idonei. Inoltre la struttura a breve sarà dismessa e lo stesso Demanio domanda se la presenza del materiale possa essere segnalata all’Amministrazione finanziaria. Una richiesta simile sulla conservazione di materiali utili era stata rivolta al Centro rifornimenti e mantenimento di Padova, a cui però non risultano reperti.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vibo Valentia, c’è un indagato per l’omicidio di Soumayla Sacko. Sarà sottoposto a esame per rilevare polvere da sparo

next
Articolo Successivo

Brindisi, ex sindaco Consales accusato di corruzione: la procura chiede 5 anni di reclusione per la tangente da 30mila euro

next