Prove libere “pazze” e che hanno tenuto i tifosi con il fiato sospeso. Non la Ducati né la Honda. Né tantomeno la Yamaha. È la Suzuki guidata da Andrea Iannone a dominare al termine della prima giornata di prove libere del Gran Premio d’Italia. Il pilota di Vasto ha fatto segnare il miglior tempo sia nella prima che nella seconda sessione, caratterizzata da una doppia bandiera rossa, prima per una brutta caduta di Michele Pirro, poi per un problema alla Desmosedici di Andrea Dovizioso, andata a fuoco dopo una fumata bianca. Alle sue spalle spicca un ritrovato Maverick Viñales, secondo con la Yamaha (+0.387), davanti al solito costante Marc Marquez (+0.483), anche lui scivolato senza conseguenze nel corso del pomeriggio. Valentino Rossi con il settimo tempo, anche in virtù di una M1 che sembra nuovamente competitiva almeno per il podio, fa ben sperare i numerosi tifosi attesi per questo weekend al Mugello, mentre non è stata una giornata semplice per la Ducati: Jorge Lorenzo, prossimo a un ritorno in Yamaha (con un team satellite) ha chiuso al decimo posto, peggio addirittura ha fatto Andrea Dovizioso, che dopo la terza piazza della mattina non si è confermato nella seconda sessione, finendo addirittura fuori dalla top ten (12°).

Come se non bastasse il box Ducati ha vissuto attimi di panico in occasione della brutta caduta occorsa a Michele Pirro, che ha perso il controllo della sua moto, da cui è stato violentemente sbalzato, alla staccata della San Donato. Il risultato è un trauma cranico e una lussazione della spalla, ridotta presso il centro medico del circuito. Il pilota è stato subito portato in elicottero all’ospedale Careggi di Firenze per ulteriori accertamenti, ma le sue condizioni – grosso spavento a parte – non destano preoccupazioni. L’unico a sorridere davvero a fine giornata è quindi Andrea Iannone. “Sono veloce e sono molto contento. La squadra ha lavorato molto bene. La moto qui funziona, siamo riusciti a fare il piccolo passo che serviva. Ho un buon feeling, sono veramente felice di aver chiuso la prima giornata in testa – ha sottolineato il pilota della Suzuki – E’ stata una giornata molto positiva, con delle sensazioni buone. Non sarà facile continuare in questo modo, siamo tutti molto vicini. Vedremo come andrà, ce la metterò tutta davanti al pubblico di casa”. Vede il bicchiere mezzo pieno anche Valentino Rossi. “È stato un venerdì positivo, non è andata così male, il mio passo è abbastanza buono – ha ammesso il ‘Dottore’ -È vero che ci sono diversi piloti e moto molto veloci, ma ci siamo anche noi. Siamo sulla buona strada ma dobbiamo lavorare per migliorare ulteriormente. Pirro? Spero stia bene dopo l’incidente, gli auguriamo il meglio per il suo recupero”.