Un “5 al Gallo” per sostenere le attività della Comunità di San Benedetto al Porto fondata a Genova da don Andrea Gallo, il prete amico degli ultimi scomparso cinque anni fa. A lanciare la campagna per il 5 per mille ci sono le illustrazioni del disegnatore e autore satirico Vauro, grande amico di Don Andrea Gallo, e poi le tante persone che lo hanno incontrato nei propri percorsi di vita e desiderano sostenere la Comunità di San Benedetto con una foto o un video: Moni Ovadia, Simone Cristicchi, Vladimir Luxuria, Dario Vergassola, Dori Ghezzi, Alba Parietti, Erriquez della Bandabardò, Lastrico, Teresa De Sio e Piero Pelù.

Quella della Comunità è una battaglia quotidiana per sostenere i valori che costituiscono il lascito spirituale e materiale di Don Gallo: accoglienza, laicità, giustizia sociale dalla parte degli ultimi e dei più deboli. Scegliendo di dare il proprio 5 per mille alla Comunità di Don Gallo, scrivendo il codice 02471280103 nella dichiarazione dei redditi, si potranno finanziare progetti come la scuola di italiano per l’integrazione delle persone straniere, l’opera delle unità di strada per difendere dal freddo le persone senza dimora, la consegna dei pacchi alimentari in aiuto alle persone in difficoltà o il sostegno ai minori e alle loro famiglie a Santo Domingo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Corte di Giustizia: “Richiedenti asilo non possono essere respinti senza ok del paese Ue di provenienza”

prev
Articolo Successivo

Caregiver, i corsi per aiutare chi assiste le persone non autosufficienti: “Servono strategie operative per gestire emozioni”

next