È stato investito dalla furia bollente del Vesuvio, che gli ha scagliato addosso, decapitandolo, un masso di 300 chili. A Pompei, gli scavi hanno restituito una nuova vittima: un uomo con una gamba malata e che forse, a causa della sua disabilità, si era attardato nella fuga. Una scoperta “drammatica ed eccezionale” ha commentato all’Ansa il direttore del Parco Archeologico, Massimo Osanna. Il ritrovamento è avvenuto nella zona dei nuovi scavi, la Regio V, proprio all’angolo tra il Vicolo dei Balconi e il vicolo delle Nozze d’Argento.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, trasfusioni e trapianto di cellule staminali in utero: è la prima volta al mondo

next
Articolo Successivo

La scoperta dello Stevens institute: il cervello batte come il cuore. Ripreso per la prima volta

next