“L’agente sotto copertura sarebbe uno strumento efficace contro la corruzione che è all’origine del fenomeno mafioso”. Così il magistrato Franco Roberti, già procuratore nazionale antimafia dal 2013 al 2017, ospite al circolo Fuori Orario di Taneto di Gattatico dove è in corso la Festa del Fatto Quotidiano, auspica che il nuovo Parlamento introduca nel nostro ordinamento la figura “dell’ufficiale di polizia giudiziaria che operi all’interno della trama corruttiva già in atto: osserva, rileva gli elementi di reato e li riferisce al pm”. Uno strumento previsto, peraltro, nel contratto siglato da Lega e Movimento Cinque Stelle. “Sicuramente il programma presenta alcuni elementi condivisibili, come la a revisione della prescrizione, una lotta serrata alla corruzione e al conflitto d’interessi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, l’appello di Padellaro: “Spero non si torni al voto. Basta polemiche sui social”. Poi avverte il M5s: “Occhio a Salvini”

next
Articolo Successivo

Festa del Fatto, Paolo Mieli: “Governo M5s-Lega? Destinato a durare molto. Conviene anche all’Europa”

next