“L’agente sotto copertura sarebbe uno strumento efficace contro la corruzione che è all’origine del fenomeno mafioso”. Così il magistrato Franco Roberti, già procuratore nazionale antimafia dal 2013 al 2017, ospite al circolo Fuori Orario di Taneto di Gattatico dove è in corso la Festa del Fatto Quotidiano, auspica che il nuovo Parlamento introduca nel nostro ordinamento la figura “dell’ufficiale di polizia giudiziaria che operi all’interno della trama corruttiva già in atto: osserva, rileva gli elementi di reato e li riferisce al pm”. Uno strumento previsto, peraltro, nel contratto siglato da Lega e Movimento Cinque Stelle. “Sicuramente il programma presenta alcuni elementi condivisibili, come la a revisione della prescrizione, una lotta serrata alla corruzione e al conflitto d’interessi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, l’appello di Padellaro: “Spero non si torni al voto. Basta polemiche sui social”. Poi avverte il M5s: “Occhio a Salvini”

next
Articolo Successivo

Festa del Fatto, Paolo Mieli: “Governo M5s-Lega? Destinato a durare molto. Conviene anche all’Europa”

next