di Paolo Galletti

E se invece ce la facessero a dare una svolta a questo Paese? Ormai da 10 giorni si assiste a un crescente aumento del fuoco di sbarramento contro il possibile governo “gialloverde” al quale viene imputato ormai di tutto; dal crollo in borsa alla crisi del Monte dei Paschi, dal revanscismo neofascista ai reumatismi per il maltempo. Oggettivamente le perplessità non mancano e alcune improvvide uscita di qualche esponente poteva essere risparmiata, però la foga con la quale le grandi firme della stampa nazionale si vanno avventando contro il tentativo delle due sole forze uscite vincenti dalla consultazione elettorale del 4 marzo fa pensare.

Intanto non si capisce cosa si vorrebbe al posto della soluzione alla quale stanno lavorando Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Le due sole alternative possibili sono l’ennesimo governo con dentro tutti oppure le elezioni. La prima ipotesi darebbe il colpo di grazia alla residua credibilità del sistema politico dato che sarebbe inevitabile per gli elettori considerare che comunque si esprimano nelle urne poi il Palazzo fa quel che vuole; la seconda porterebbe un’incertezza anche più grande delle attuali ventilate ipotesi di programma e soprattutto non offrirebbe (grazie a una demenziale legge elettorale) alcuna certezza sul fatto che ne scaturirebbe un nuovo e più solido equilibrio.

E poi mi vien da chiedere: perché Lega e Movimento 5 stelle non possono provare a governare? “Faranno danni!” si dice e si scrive con ponderosa serietà. Eh sì, in effetti il Governo Berlusconi che ci hanno condotto sull’orlo della bancarotta in virtù di misure di finanza creativa erano una certezza di stabilità, il Governo tecnico di Mario Monti che ha massacrato cittadini, creato l’ancora irrisolto problema degli esodati e sottratto la giusta pensione a migliaia di italiani è stato un toccasana. E che dire delle prodezze di Matteo Renzi? Uno buono solo a giocare con le slides, a battere i pugni in casa e baciare pantofole in Europa, uno capace di affossare la fiducia nel sistema bancario italiano firmando in un quarto d’ora il decreto del 22 novembre 2015 senza nemmeno rendersi conto delle conseguenze; “salvabanche” l’aveva chiamato, esattamente come la “buona scuola“, il “Jobs act” e gli altri slogan vuoti di contenuto e perniciosi nella sostanza che hanno accompagnato la sua parabola politica fortunatamente discendente.

Insomma non è che chi ha preceduto Salvini e Di Maio abbia brillato nella conduzione del Paese o abbia varato misure salvifiche e rigeneranti. Mi pare, a ben guardare, che sia stata una sciagurata gara a chi fa peggio. Il 4 marzo gli italiani hanno dimostrato che la fedeltà alle scuderie che ha accompagnato per 60 anni le dinamiche elettorali nel nostro Paese non c’è più. C’è invece, e forte, la voglia di provare a cambiare.

Anche l’Istat pochi giorni fa a fotografato un’Italia ferma, con l’ascensore sociale bloccato. La gente si è stufata dei salotti che si autogiustificano e si automagnificano e anche di tutte queste trombe che annunciano un diluvio che con ogni probabilità non verrà mai. E se invece ce la facessero?

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, tra i gazebo M5s-Lega: divergenze su reddito di cittadinanza. Ma su migranti e Berlusconi sono tutti d’accordo

prev
Articolo Successivo

M5s-Lega, Salvini: “Coperture ci sono. Conti di Cottarelli? Leggo numeri sospesi per aria, non ci diano lezioni”

next