Il 27 maggio inizierà il turno estivo dei PG Nationals Predator, il campionato nazionale di League of Legends organizzato da PG Esports in collaborazione con Acer che, come la scorsa edizione, darà al team vincitore l’accesso alla European Regional League, torneo continentale organizzato da Riot Games.

Per la nuova stagione il numero di squadre coinvolte passa da 6 ad 8, vedendo aggiungersi alle 5 rimaste dalla scorsa stagione (Team Forge, Outplayed, iDomina, Inferno e 5Hydra) tre nuovi team: i MOBA ROG, che vantano tra le loro fila alcuni dei più grandi streamer italiani di LoL, i Rac0on ed i Cyberground Gaming. Il formato rimane sostanzialmente invariato, adattandosi al maggior numero di team, girone di andata e ritorno con partite giocate su un singolo match per un totale di 14 giornate seguito da una fase di playoff che determinerà il vincitore; tutte le partite saranno trasmesse in streaming sul canale Twitch di PG Esports, vedendole giocate nei giorni di domenica e lunedì.

Dopo la finale primaverile giocata all’Unicredit Pavillon di Milano e vinta dal Team Forge, per lo stint estivo l’evento finale si sposterà nella capitale, andando in scena il 28 Luglio presso il Teatro 1 del Cinecittà World di Castel Romano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Call of Duty: Black Ops IIII, provata in anteprima la modalità multiplayer

prev
Articolo Successivo

Cosa fa Apple con i dati dei nostri iPhone

next