“Il contratto di governo? Mi sembra un libro dei sogni, con molti errori, alcuni svarioni e tantissimi pericoli dal punto di vista democratico e istituzionale, dilettanti allo sbaraglio”. Renato Brunetta, arrivando alla Camera dei Deputati boccia senza appello il lavoro messo in piedi da M5S e Lega. E torna ad agitare lo spauracchio dello spread, facendo dei distinguo con la situazione del 2011, quando cadde il governo Berlusconi a favore dell’esecutivo guidato da Mario Monti. “La mia più grande preoccupazione è l’incertezza che questo contratto comunica al Paese e alla comunità internazionale e temo che i mercati possano reagire con l’aumento dello spread e con una fuga dei capitali. Di Battista? È un ignorante che non conosce le cose, che dovrebbe leggere e studiare di più prima di parlare – afferma Brunetta, che definisce la cancellazione di 250 miliardi di debito ‘una stupidaggine’ e chiude qualsiasi dialogo – Forza Italia voterà no a questo governo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5s-Lega, Crosetto (FdI): “Il contratto ha una buona struttura. Con premier leghista valuteremmo appoggio al governo”

prev
Articolo Successivo

Napoli, De Luca: “Vorrei fare il sindaco. I rom? A loro piace vivere sotto le stelle, vadano dove vogliono ma non qui”

next