Activision ha presentato oggi a Los Angeles Call of Duty: Black Ops 4, il quindicesimo titolo della remunerativa saga di sparatutto in prima persona – l’ultimo capitolo è riuscito a totalizzare oltre 1 miliardo di dollari nei primi due mesi di vendita– , in arrivo per PlayStation4, Xbox One e PC il 12 Ottobre

Dopo il capitolo dello scorso anno, sviluppato da Sledgehammer Games, che ha riportato i player alle origini della saga con la Seconda Guerra Mondiale,  la palla passa nuovamente in mano alla Treyarch per proseguire il filone BlackOps con un ambientazione tra il moderno ed il futuristico interamente con i “piedi per terra”, quindi niente jetpack e wall running.

Per il multiplayer tornano gli specialisti come su BlackOps3, ognuno con abilità speciali ed una propria storia personale, cambia la gestione delle cure – non più automatiche, ma il player dovrà scegliere il momento migliore per trovare riparo e curarsi -, così come il sistema delle armi: ottimizzato il sistema del rinculo e migliorate le animazioni,  in più ogni arma avrà degli accessori specifici ( permettendo ai player di gestire al meglio il proprio setup).

Come nei precedenti capitoli, anche su Black Ops4 torna la modalità Zombie che offrirà già al lancio tre esperienze differenti, permettendo ai player di sfidare le ordate di non morti gestendo a proprio piacimento vari parametri (dai danni causati dai zombie, alla loro velocità, passando per resistenze) per ottenere l’esperienza più adatta alle proprie skill. Assente invece una vera e propria campagna single player, sostituita da mini campagne dedicate alla storia personale di vari specialisti.

La vera novità è la modalità Blackout, un vero e proprio battle-royale che darà ai player accesso a combattimenti all’ultimo sangue (con l’ausilio di mezzi di terra, aerei e navali), da cui emergerà vincitore l’ultimo sopravvissuto, nella più grande mappa mai sviluppata per Call of Duty che unirà le ambientazioni di tutti i titoli della saga prodotti da Treyarch, incluse quelle delle modalità zombie.

In attesa di maggiori dettagli, che saranno svelati nel corso dei prossimi mesi, nei prossimi giorni, dopo averlo provato in anteprima, vi daremo le nostre prime impressioni sul nuovo Call of Duty e sulle novità che saranno introdotte.