Tutto rinviato ai prossimi giorni. Mentre a Roma l’affaire Ilva entra nell’accordo di governo tra Lega e Movimento 5 Stelle, a Piombino è ancora tutto da scrivere il futuro dell’ex acciaieria Lucchini, oggi in mano ad Aferpi. La firma sulla trattativa per il passaggio dell’azienda dal gruppo Cevital di proprietà dell’algerino Issad Rebrab a Jws dell’indiano Saijan Jindal ancora non ci sono: si tratta a oltranza. Il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda aveva manifestato domenica la volontà di chiudere l’accordo entro lunedì, giorno indicato anche per il possibile incarico di governo ad un premier gialloverde, ma la fumata grigia tra i legali dei due gruppi farà slittare tutto di almeno qualche giorno. E adesso non è detto che la cessione di Aferpi all’indiano Jindal avvenga sotto la supervisione dello stesso Calenda, ormai in uscita dagli uffici del Mise. L’accordo di vendita dello stabilimento riguarda unicamente la parte commerciale e, una volta chiuso, il gruppo Jsw (Jindal South West) dovrà presentare il piano industriale da cui si capirà quale sarà il futuro dell’acciaio a Piombino.

Quella di lunedì è stata una giornata convulsa: le trattative tra i team legali dei due gruppi sono andate avanti ad oltranza al ministero dello Sviluppo Economico e nel pomeriggio si era parlato di una chiusura dell’accordo intorno alle 18.30. Tanto che il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, accompagnato dal sindaco di Piombino Massimo Giuliani, aveva raggiunto via Veneto per annunciare la fumata bianca che alla fine non c’è stata. “La trattativa prosegue ma stasera non è possibile concluderla – ha commentato Rossi all’ora di cena lasciando il Mise – l’intesa con il ministro è che la chiusura definitiva verrà fissata nei prossimi giorni. Le due parti stanno discutendo di aspetti legali legati al contratto”. A far slittare la firma non sarebbe stato il prezzo di vendita (fissato da tempo intorno ai 65 milioni) ma un disaccordo su garanzie e clausole contrattuali.

L’intesa tra i team legali delle due proprietà comunque sarà solo il primo passo di un percorso ancora lungo in cui l’imprenditore indiano dovrà chiarire almeno tre aspetti: la situazione contrattuale dei circa 1800 lavoratori (si prevede un assorbimento di circa 1500), le bonifiche ambientali dell’area e la competitività nel mercato dell’acciaio. Tutto questo dovrà essere messo nero su bianco nel prossimo piano industriale che arriverà sul tavolo del prossimo ministro dello Sviluppo Economico. Per quanto riguarda i 1800 dipendenti dello stabilimento (le cui condizioni difficilmente saranno migliori rispetto all’accordo di tre anni fa con Cevital) un ruolo centrale nella trattativa lo avranno i sindacati che chiedono di sedersi al tavolo con l’azienda e con il nuovo ministro per discutere il piano industriale. “Non accetteremo di trovarci a dover sottoscrivere un accordo preconfezionato – avevano avvertito ad inizio aprile le segreterie provinciali di Fim, Fiom e Uilm – ai lavoratori non potrà essere presentato un quadro ‘prendere o lasciare’”.

Se l’accordo si farà, sarà una rivincita per l’imprenditore indiano Saijan Jindal: tre anni fa infatti il governo Renzi gli aveva preferito l’algerino Rebrab e l’estate scorsa gli era stata preferita Am Investco Italy di ArcelorMittal e del gruppo Marcegaglia nell’acquisizione dell’Ilva. Oggi, di fronte ad uno stabilimento completamente fermo e all’ennesima crisi industriale che ha coinvolto circa 1800 lavoratori in cassa integrazione, il Mise e la Regione Toscana hanno sostenuto apertamente la vendita all’imprenditore indiano: Jindal potrà usufruire inizialmente anche di un finanziamento statale pari a 15 milioni per le “condizioni di insediamento” e di uno regionale di circa 30. “Caro ministro – ha scritto su twitter domenica il governatore Rossi rivolgendosi a Calenda – se chiudiamo con Jindal l’accordo per le acciaierie di Piombino, io sono pronto per il tuo impegno a consegnarti il Pegaso della Regione Toscana. Il lavoro coerente paga contro Salvini e Grillo che su Piombino hanno raccontato balle”. A stretto giro gli ha risposto proprio il responsabile dello Sviluppo Economico: “Lavoro di squadra Enrico, come si fa quando si è in partiti diversi ma si ha senso delle istituzioni”.

“Mi sembra che in queste ore dietro l’annuncio di un probabile accordo ci sia soprattutto una strategia comunicativa ben precisa da parte delle istituzioni – commenta al Ilfattoquotidiano.it David Romagnani, segretario provinciale della Fiom – ora chiediamo di essere convocati al ministero per discutere del futuro dello stabilimento: dietro un imprenditore c’è sempre un’idea imprenditoriale e questa ancora non la conosciamo. Vogliamo capire quali sono le sue intenzioni e per farlo dobbiamo aspettare di leggere il piano industriale. Una cosa comunque è chiara: nessun lavoratore potrà essere licenziato”.

L’ex acciaieria Lucchini è insieme all’Ilva di Taranto l’emblema delle crisi industriali che hanno colpito il settore dell’acciaio in Italia. La ripartenza dello stabilimento – e di una intera città – era stata annunciata in pompa magna nel dicembre 2014 dall’allora premier Matteo Renzi che aveva descritto l’operazione di Rebrab come “un’acquisizione strategica”: “Piombino è un pezzo del futuro dell’Italia”, aveva detto in quell’occasione il presidente del Consiglio. Ma dopo tre anni di promesse non mantenute da parte di Rebrab, l’ex premier si è dovuto rimangiare tutto: “Abbiamo fatto una cazzata a fidarci di Rebrab”, ha ammesso – secondo ricostruzioni giornalistiche dell’epoca – a novembre accogliendo i circoli Pd delle fabbriche sul treno dem di passaggio a Piombino. Ma nonostante questo Renzi non si è mai preso la responsabilità della fiducia accordata a Rebrab tre anni prima: “Furono Rossi e Landini a volerlo e penso che l’operazione con Jindal, che avevo conosciuto a Firenze, andasse fatta tre anni fa”, aveva detto agli operai. La replica del governatore Rossi fu l’annuncio di una querela nei confronti di Renzi: “Il progetto industriale presentato da Rebrab è stato scelto attraverso una regolare procedura di gara del ministero dello Sviluppo economico su cui non ho avuto alcuna influenza – aveva replicato il governatore – su questa materia non si scherza e non sono ammessi equivoci”.