Dopo due mesi di trattative senza esito, le intenzioni di voto degli italiani offrono un quadro chiaro della situazione politica: Movimento 5 Stelle e Lega di Salvini sono gli unici partiti in grado di aumentare il loro consenso, con Pd e Forza Italia in evidente difficoltà. È la fotografia scattata dal sondaggio di Antonio Noto per il Quotidiano Nazionale. Si tratta delle intenzioni di voto rilevate a due mesi esatti dal voto del 4 marzo. Il dato più significativo è senza dubbio il tracollo del Partito democratico, che in sessanta giorni ha perso 3,2 punti percentuali, avvicinandosi pericolosamente a scendere sotto la soglia del 15 per cento (da 18,7 a 15,5). Evidentemente – almeno a leggere il sondaggio di Noto – le dimissioni di Renzi subito dopo il tracollo elettorale non sono servite a raccogliere nuovo consenso attorno a un partito dilaniato da correnti e conflitti interni. In tal senso, con tutta probabilità anche le divisioni e le differenti posizioni sull’eventuale dialogo con il M5s non ha giovato.

Situazione simile anche per Forza Italia, che ha perso il 2 per cento rispetto a sessanta giorni fa (12% contro 14%), con il partito di Berlusconi che è stato praticamente doppiato dalla Lega di Matteo Salvini, passata dal 17,4% di marzo al 22,5%. Un balzo in avanti di 5,1 punti percentuali che toglie ogni dubbio – qualora ce ne fosse la necessità – nell’indicare a chi tocca la guida del centrodestra. Grazie al Carroccio e ai 4 punti che porta in dote Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni (stabile al 4%) la coalizione conquista due punti rispetto al voto politico, raggiungendo un ipotetico 39% che è assai vicino alla soglia del 41% utile per poter formare un governo senza alleanze. Dietro l’exploit della Lega, secondo la rilevazione di Antonio Noto c’è da registrare l’ottimo +2,3 per cento del Movimento 5 Stelle, che al 35% si conferma di gran lunga il primo partito, seppure ben lontano dal 41% che permette di poter governare. Al 2,5%, infine, Liberi e uguali, che perde quasi un punto (-0,8%) rispetto a due mesi fa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, Zingaretti striglia il partito (e Renzi): “Basta contrapposizioni, bisogna unire”. Sala: “Potere alle idee, non a segreterie”

next
Articolo Successivo

Governo di sei mesi Lega-M5s? Crimi: “Proposta di Salvini? L’offerta è arrivata troppo in ritardo, ma è da valutare”

next