L’Italia è al terzo posto tra i paesi Ocse per il peso del cuneo fiscale sul costo del lavoro. Che è più alto che in Grecia, Spagna e Portogallo. Nel nostro paese, secondo il rapporto ‘Taxing Wages’ presentato a Parigi, nel 2017 il costo per un lavoratore single è stato di 69.421 euro, con tasse e contributi che hanno pesato per il 47,7% sullo stipendio. Una percentuale in calo di appena lo 0,09% rispetto al 2016, ma oltre dieci punti sopra la media Ocse del 35,9% (nel 2016 era al 37).

Il rapporto misura la differenza tra il costo sostenuto dal datore di lavoro e il corrispondente reddito netto che arriva effettivamente nelle tasche del lavoratore, dopo aver quindi sottratto l’imposta personale sui redditi e gli oneri sociali e contributivi a carico di entrambe le parti, ma tenendo anche presente qualsiasi forma di agevolazione fiscale.

Peggio dell’Italia fanno Belgio (53,7%) e Germania (poco sotto il 50%). L’Italia perde anche il duello con la Spagna, dove il costo medio di un lavoratore è stato di 63.949 dollari. Il cuneo fiscale per i single senza figli è superiore al 45% anche in Austria, Francia e Ungheria, mentre è al 20% o anche più basso in Cile (minimo del 7%), Messico e Nuova Zelanda.

Il peso di tasse e contributi scende al 38,6% per le famiglie di 4 persone con un unico reddito, ma anche qui siamo ben oltre contro la media Ocse del 26,1 per cento. In generale, nei 17 anni di osservazione del rapporto, in Italia il cuneo fiscale è aumentato, seppur debolmente, per i lavoratori single e diminuito, altrettanto lievemente, per i nuclei familiari con due figli ed una sola persona che percepisce un reddito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sky, Comcast lancia un’offerta da 22 miliardi di sterline: si apre la sfida con la Fox di Murdoch

prev
Articolo Successivo

Prestito Alitalia, l’indagine Ue non ferma la proroga dei termini. Calenda: “Sempre coordinati con Bruxelles”

next