La app di messaggistica istantanea WhatsApp ha aumentato a 16 anni, dai 13 attuali, l’età minima per l’utilizzo nell’Unione europea, in vista di un nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali (Rgdp). L’annuncio è arrivato sul sito web, in cui è precisato che fuori dall’Ue l’età resta invariata.

In un post, WhatsApp attribuisce la decisione all’entrata in vigore il 25 maggio del Rgdp. Questo fissa a 16 anni l’età in cui i minori possono accossentire da soli al trattamento dei loro dati personali, e quindi accedere a servizi che ne chiedono, proprio come fa il servizio.  “Il mese prossimo, l’Ue aggiornerà le sue leggi riguardanti il rispetto della vita privata per chiedere più trasparenza quanto al modo in cui i dati degli utilizzatori di internet sono usati online”, ha indicato WhatsApp. Quindi, prosegue, “l’app aggiorna le sue condizioni di utilizzo e la sua politica di confidenzialità laddove l’Rgdp prende effetto”. Tra gli altri aggiornamenti, WhatsApp precisa che ha “stabilito una entità nell’ambito dell’Ue per offire i propri servizi e rispettare le nuove rigide norme di trasparenza sul modo in cui protegge la privatezza degli utilizzatori”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La pirateria danneggia l’economia e la creatività. Ma offre anche molti benefici

prev
Articolo Successivo

God of War, il ritorno di Kratos tra tattica, violenza ed un’ambientazione mozzafiato – la nostra prova

next