Qualche idea, qualche traccia, nulla?
Sì, ce l’ho ma non è raggiungibile con una bomba sotto al culo. Voglio dire: non serve un’arma tradizionale, analogica. Forse serve una rivoluzione intellettuale o una rivoluzione dello spirito.

La storia con le ribellioni e le rivoluzioni armate e violente ha però sempre avuto scossoni fortissimi.
È evidente che lo stato delle cose nel mondo di oggi è intollerabile per la gran parte dell’umanità. Ricordo una vecchia lezione di fisica a scuola: il gas lo puoi comprimere anche milioni di volte, ma non c’è gas che non abbia il suo punto di esplosione. Cambia di stato e il cambiamento di stato è sempre violento, quindi ci sarà una carneficina. È l’unica cosa che condividevo con un uomo pericoloso come Gianroberto Casaleggio. Non credo ad una guerra mondiale come pronosticava lui, ma a qualche carneficina sì.

Puoi farci un esempio?
Non puoi chiedere a un miliardo di persone di continuare a vivere come animali in eterno. Puoi impedire che arrivino qui in Italia per un anno o cinque, ma poi? Quanti ne puoi far affogare? Fai una cifra. Sei milioni? Pensa a quanto ci è voluto a far fuori sei milioni di ebrei? Un lavoro indefesso complicatissimo. Sessanta milioni? Anche se siamo abbastanza bravi a farne fuori dieci volte più dei nazisti, ne avanzano novecento milioni. E alla fine ti chiederanno il conto.

Muri, barriere, filo spinato non servono a nulla?
Puoi far finta sia così per una legislatura. Pensa a cosa non era l’impero romano nel quinto secolo. O l’impero cinese ancora più potente e armato di quello romano. Hanno fatto la “Grande muraglia” e sono i mongoli sono entrati dall’altra parte. Difficile che la storia possa andare diversamente da come il flusso ovvio e naturale e consequenziale degli eventi umani ha sempre condotto.

Il Novecento ci aveva però portati sulla strada di un certo ottimismo della storia.
È stato il secolo più violento della storia dell’umanità, quello delle stragi universali. Se conti i morti di Gengis Khan arrivi a ventimila. Mentre solo nella seconda guerra mondiale si contano 55 milioni di morti ammazzati. Il ’68 cos’è se non la rivolta globale al Novecento che si portava dietro l’Ottocento e l’ottimismo dell’imperatore? Tutto il secolo del positivismo su cosa si reggeva: sul fatto che un élite ristretta di europei pensasse di essere padrona dell’universo. Imperialisti nel senso più spietato e global.

Mentre ti ascolto mi viene in mente quando conducevi La storia siamo noi.
I tossici mi seguivano molto perché la trasmissione andava in onda alle nove di mattina. Era l’ora per loro dei Pavesini: non dormivano più e cominciava l’astinenza, ma era troppo presto per girare a cercare una dose.

INDIETRO

Maurizio Maggiani: “Credo nella lotta armata senza bombe. I buoni e i cattivi? Li riconosco dagli occhi, come Dio”

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Resistenza, “Il sentiero del traditore”: il viaggio di Fabio Abati nell’Appennino Tosco Emiliano al tempo dei partigiani

next
Articolo Successivo

Sempre, incontro per caso tra uno scrittore e un prete: il cammino di Maurizio Maggiani e Luigi Verdi

next