Funzionalità limitate, meno informazioni pubbliche e annunci non personalizzati. Almeno finché un genitore non darà il permesso. Sono queste le novità annunciate da Facebook per tutelare la privacy dei ragazzi di età compresa fra i 13 e i 15 anni. Una stretta imposta dal nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati (Gdpr) che entrerà in vigore il prossimo 25 maggio.

“Le persone di età compresa tra i 13 e i 15 anni in alcuni paesi Ue hanno bisogno del permesso di un genitore o tutore per compiere azioni specifiche su Facebook. Questi adolescenti vedranno una versione meno personalizzata del social con condivisione limitata e annunci meno rilevanti, fino a quando non otterranno il permesso da un genitore o tutore di usare tutti gli aspetti di Facebook”, ha annunciato la società di Mark Zuckerberg in una nota. “Nel corso di quest’anno presenteremo anche un nuovo centro globale di risorse online dedicato ai ragazzi e faremo più educazione per rispondere alle loro domande più comuni sulla privacy”.

Una vera e propria stretta sulle inserzioni pubblicitarie, quindi, che dovrebbe impedire la profilazione dei ragazzi con età inferiore ai 15 anni (chi è minore di 13 in teoria non può nemmeno iscriversi alla piattaforma). Ma anche divieto di utilizzare il riconoscimento facciale fino alla maggiore età e limiti alle informazioni condivise, come la città natale, il compleanno o le opinioni religiose e politiche. Le nuove regole, ha precisato Facebook, saranno disponibili in Unione Europea già da questa settimana, per essere poi estese in futuro anche al resto del mondo.

Ma nelle novità presentate da Zuckerberg non ci sono soltanto le norme per i minori. Previsti anche nuovi strumenti per il monitoraggio dei propri dati, la possibilità di rimuovere le funzioni di riconoscimento facciale e un aggiornamento delle Condizioni d’uso, in modo da rendere più chiaro – almeno nelle intenzioni di Facebook – il funzionamento della piattaforma e dei suoi servizi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terrore in volo, motore del Boeing esplode e salta finestrino: “Donna quasi risucchiata fuori”. Un’altra morta di infarto

prev
Articolo Successivo

Siria, gli Usa non hanno mantenuto gli accordi. Per questo non sono più credibili

next