“Es braust unser Panzer”. Cioè “il nostro carro armato sta ruggendo”. È la scritta apparsa sullo stipite della porta di uno dei bagni di Montecitorio, sede della Camera dei deputati. Si tratta di un verso tratto dal Panzerlied, uno dei più conosciuti canti intonati durante la seconda guerra mondiale dalle forze armate della Germania nazista, la Wehrmacht. Sopra la frase, incisa nel legno, una svastica. Alla trovata ha voluto replicare sullo stesso stipite un altro incisore ignoto il quale, sotto il verso in tedesco ha aggiunto un “ma vai a cagare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gasdotto Tap, avanti tutta con l’inchiesta: il gip boccia resistenze di multinazionale e Stato, la superperizia si farà

next
Articolo Successivo

Buche a Roma, il Comune ammette: il ‘piano Marshall’ annunciato dalla Raggi non esiste, sono soldi già in bilancio

next