Quanto vale una lacrima? Ma, soprattutto: quanto costa piangere? Il comune di Roma ha aggiornato il regolamento cimiteriale aggiungendovi una clausola. Il commiato dal defunto, scrive Repubblica, è gratuito se effettuato nel giorno in cui la bara viene consegnata al suo luogo. Nelle giornate successive all’entrata della salma, nel caso si volesse ripetere il saluto, bisogna versare 202 euro. Tassa pro lacrima.

Piangi quanto vuoi, ma prima passa alla cassa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luigi Di Maio e l’alleanza tra cromosomi

next
Articolo Successivo

Se un algoritmo voterà al nostro posto – L’Istantanea di Antonello Caporale

next