Per il suo ventiduesimo compleanno Affaritaliani.it, il primo quotidiano digitale nato nel 1996, supera il traguardo di 5 milioni di lettori e si presenta rinnovato, più agile e veloce. Il nuovo sito è stato ripensato in ottica mobile first, migliorando la user experience, la semplicità e la velocità di fruizione. Arricchita l’area video, che genera circa 200mila video views quotidiane, e migliorata la fruizione dell’archivio e la relativa ricerca, che raccoglie 22 anni di storia d’Italia con oltre un milione di articoli disponibili. La barra di navigazione e il box pubblicitario “MPU” saranno sempre fissi in modalità “sticky” e negli articoli si potrà aumentare a proprio piacere la dimensione dei caratteri per andare incontro alle diverse esigenze di lettura.

“Siamo lieti di festeggiare il compleanno offrendo alla comunità crescente dei nostri lettori un nuovo sito, strutturato per facilitare al massimo la navigabilità e l’appeal e renderlo ancora più social e più seo”, commenta il direttore ed editore Angelo Maria Perrino, che lanciò il primo quotidiano online nel 1996. “Affaritaliani.it riafferma così la propria mission di giornale al passo con i tempi, grazie anche alla sua informazione completa, indipendente e croccante. La crescita costante del traffico conferma la bontà delle nostre scelte e del nostro posizionamento strategico di giornale di qualità per la giovane, nuova e moderna classe dirigente italiana”, conclude Perrino.

“A febbraio 2018 abbiamo superato i 5 milioni di lettori (7 milioni a marzo per effetto delle elezioni), distribuiti su tutto il territorio nazionale e con forte presidio delle città di Roma e di Milano, dove siamo presenti con le redazioni locali. Un lettorato di qualità, con elevata concentrazione nella fascia 30-50 anni, composto soprattutto da professionisti, dirigenti, manager e imprenditori con forte capacità di incidere sui budget e sulle decisioni di spesa di imprese e famiglie”, spiega Luca Greco, amministratore di Affaritaliani.it.

“Con le nostre principali linee di business – continua Greco -, la pubblicità display-tabellare classica con formati standard e innovativi e i progetti speciali (media partnership, storytelling, brand content, native advertising, in modalità testuale, video e fotografica), offriamo ad aziende, agenzie e centri media la possibilità di rendere più efficaci, performanti e customizzate le iniziative e i progetti di comunicazione digitale su un target nazionale, decisore e alto spendente”.