“Il nome della Lega era Calderoli, a me non è mai stato proposto né accettato, probabilmente non ero all’altezza”. Così Giulia Bongiorno, neosenatrice della Lega, smentisce la sua candidatura a presidente del Senato. “Il mio nome lo avete fatto voi – dice l’avvocato ai cronisti lasciando la riunione del gruppo in Senato – e si sono terrorizzati alcuni clienti”.