Lo schema sarebbe questo: presidenza della Camera ai Cinquestelle, presidenza del Senato a Forza Italia, guida del governo alla Lega (o a una personalità che alla Lega piace), candidatura alla presidenza del Friuli al leghista Massimiliano Fedriga. Una specie di domino, la cui ultima tessera è il via libera a Matteo Salvini per una trattativa di governo con il Movimento Cinque Stelle. Non più “grillini più pericolosi dei comunisti“, come diceva in campagna elettorale: Silvio Berlusconi – racconta Repubblica – è pronto ad andare oltre il confronto parlamentare sulle presidenze delle Camere. Secondo il retroscena di Carmelo Lopapa il leader di Forza Italia avrebbe spiegato a Salvini di non avere “preclusioni“: “Pensiamo si possa trovare un’intesa su un governo di programma“. Naturalmente, se il retroscena venisse confermato, c’è molta strategia. Almeno per tre aspetti.

Il primo: il Pd in questo momento non si schioda dalla convinzione di stare all’opposizione e soprattutto Salvini non vuole parlare con i democratici (“Se faccio un governo, non lo faccio per far tornare chi è stato bocciato dal voto”) quindi veder fallire subito un tentativo con i grillini aprirebbe a strade alternative meno ostiche. Il secondo aspetto: il leader di fatto del centrodestra, dopo le elezioni del 4 marzo, è Salvini, capo del primo partito della coalizione, e in più la Lega sta facendo da calamita per molti berlusconiani sul territorio, anche al Sud; un modo per tamponare questa situazione è almeno farlo “friggere” con i tentativi di formare una maggioranza che possono risultare “velleitari” e – chissà – in apparenza da Prima Repubblica e “inciucisti”, buona parte dei temi dei comizi consuti di Salvini. Il terzo e principale: dando la propria disponibilità a un accordo con i Cinquestelle non toccherà a Forza Italia dire di no, ma è probabile che sarà lo stesso M5s a negarsi. E a quel punto la responsabilità di un governo che non si forma non sarà più di Berlusconi, ma – appunto – di Luigi Di Maio e dei suoi (che peraltro non perderebbero un voto da questa decisione, conoscendo un po’ quell’elettorato).

Venerdì, intanto, rispettivamente alle 10,30 e alle 11, le Aule di Montecitorio e di Palazzo Madama riuniranno per la prima volta i deputati e i senatori (anche se incredibilmente di alcuni non è ancora certa l’elezione, a 17 giorni dal voto). Ad oggi, secondo i giornali, per la presidenza della Camera – che secondo gli accordi tra i partiti dovrebbe andare al M5s – i nomi che girano sono quelli di Roberto Fico e Riccardo Fraccaro (il secondo più vicino a Di Maio del primo, come noto); per la presidenza del Senato – che dovrebbe avere una guida eletta col centrodestra – la terna di Forza Italia proposta da Berlusconi è composta da Paolo Romani (su cui il leader insiste), Maurizio Gasparri (per 5 anni vicepresidente a Palazzo Madama) e Annamaria Bernini (stimata anche dal Pd e dai modi sempre istituzionali). Per la Lega il nome buono che resta in piedi è comunque quello di Giulia Bongiorno, la cui colpa per Berlusconi potrebbe essere la sua “resistenza” alle leggi ad personam.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Pd: caro Nicholas, prendi tu le redini, libera il tuo spirito! 

next
Articolo Successivo

Nuovo governo, M5s traccia il suo perimetro. Nonostante la trappola del Rosatellum

next