Di chi è il vento? Di tutti, naturalmente. Soffia per me e per te, ed è come l’acqua, come il sole. Potrebbe mai accadere che ciascuno di noi si impossessasse del sole? Tra le molte sfortune il Sud si ritrova una fortuna grande: è ricco di sole e di vento. E il vento, che nel Novecento era buono a scompigliarci i capelli, oggi è utile invece anche a produrre energia. Così il sole. Sono nate le energie rinnovabili, il fotovoltaico e l’eolico. Poteva essere una ricchezza di tutti e per tutti? Certo che sì. Invece è successo, col beneplacito di Istituzioni conniventi quando non corrotte, che in pochi si sono impadroniti del vento e del sole e ne hanno fatto incetta. Il vento ha soffiato solo in alcune tasche. E non c’è torre che raccoglie il vento, non c’è distesa di silicio senza una inchiesta della magistratura. Oggi la notizia che il re dell’eolico Vito Nicastri, l’imprenditore che ha fatto incetta di concessioni e che in Sicilia raccoglie il tesoro che la natura aveva riservato a tutti gli abitanti dell’isola, avrebbe finanziato la latitanza del boss mafioso Matteo Messina Denaro. Tutto torna, purtroppo e come sempre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bmw in Germania: “Blocchi del diesel? E noi vi cambiamo la macchina”

prev
Articolo Successivo

La miseria ci disturba, multiamola per 200 euro – L’istantanea di Caporale

next