Avete sempre sognato di cenare in un ristorante stellato ma non vi sentite pronti per provare piatti troppo sofisticati? Nessun problema, nel menù del nuovo ristorante aperto dallo chef stellato Carlo Cracco in Galleria a Milano trovate anche la pizza margherita. O meglio, la sua brutta copia viste le reazioni degli utenti su Twitter. E in effetti non assomiglia affatto all’originale pizza napoletana: l’impasto è scuro e grumoso e, sopra, lo chef stellato aggiunge a crudo mozzarella (di bufala e non fiordilatte) e pomodorini.

E per di più anche una spolverata di origano, bandito nella ricetta originale, che prevede invece qualche fogliolina di basilico fresco. Il tutto per 16 euro. Secondo gli utenti della Rete, un vero affronto per la vera pizza napoletana, proclamata Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco.

Insomma, la vista non stimola affatto l’appetito ma scatena piuttosto l’ironia sui social: “Chiamala ‘Cosa tonda con della roba sopra’ scrive qualcuno su Twitter. “Questa non è pizza ma pazzia” fa eco un altro utente che aggiunge: “Un minuto di silenzio per la “pizza” di Cracco”.

I cronisti di Napoli.fanpage.it che l’hanno assaggiata assicurano che è buona anche se ci tengono a dare “un consiglio spassionato allo chef: scenda dalle stelle e venga tra i vicoli di Napoli, non dai pizzaiuoli star, ma tra quelli che quotidianamente, tra i vicoli, senza sosta, preparano pizzelle a portafoglio, sontuose pizze fritte, calzoni. E riempiono bocca, occhi  e naso di odori, sensazioni, sapori e tradizioni facendo di questa pietanza un qualcosa di unico al mondo“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Estratti e centrifughe di frutta e verdura, perché berli e come prepararli

prev
Articolo Successivo

Milano, pizza margherita: dove mangiarla davvero (altro che Carlo Cracco) spendendo meno di 16 euro

next