“La legge elettorale non ha premiato le donne perché si sono prestate a fare un giochetto non troppo corretto delle pluricandidature. Proprio quelle delle donne hanno fermato altre 50 donne che potevano entrare”. Così Rosy Bindi torna sul tema della legge elettorale che poco ha premiato la presenza femminile in Parlamento. “Evidentemente dei calcoli politici hanno fatto si che ciascuna donna si è prestata ad un atteggiamento non corretto. A dire il vero questo non è accaduto nel Movimento cinque stelle ma è accaduto in tutte le altre formazioni politiche e non è una bella cosa. Il problema delle donne non sempre le donne conoscono un valore fondamentale quale quello della solidarietà. È proprio questa solidarietà che ha permesso di fare passi avanti, gli uomini sono più complici e che solidali e se le donne non sono solidali finiscono per prestarsi ad altre complicità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega, Borghezio: “Nazismo? Ha fatto cose importantissime sulla ricerca anti-cancro. A Balotelli dico 3mila volte ‘vaffa’”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Lorenzin: “Legge elettorale non ha premiato le donne per colpa di segretari di partito maschi”

next