“La legge elettorale non ha premiato le donne perché si sono prestate a fare un giochetto non troppo corretto delle pluricandidature. Proprio quelle delle donne hanno fermato altre 50 donne che potevano entrare”. Così Rosy Bindi torna sul tema della legge elettorale che poco ha premiato la presenza femminile in Parlamento. “Evidentemente dei calcoli politici hanno fatto si che ciascuna donna si è prestata ad un atteggiamento non corretto. A dire il vero questo non è accaduto nel Movimento cinque stelle ma è accaduto in tutte le altre formazioni politiche e non è una bella cosa. Il problema delle donne non sempre le donne conoscono un valore fondamentale quale quello della solidarietà. È proprio questa solidarietà che ha permesso di fare passi avanti, gli uomini sono più complici e che solidali e se le donne non sono solidali finiscono per prestarsi ad altre complicità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lega, Borghezio: “Nazismo? Ha fatto cose importantissime sulla ricerca anti-cancro. A Balotelli dico 3mila volte ‘vaffa’”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Lorenzin: “Legge elettorale non ha premiato le donne per colpa di segretari di partito maschi”

next