Il giorno dopo l’uccisione dell’ambulante senegalese Idy Diene da parte di un italiano di 65 anni, la comunità senegalese e molti fiorentini si sono ritrovati sul luogo della tragedia, il ponte Vespucci a Firenze, e hanno dato vita a un presidio: “Per la prima volta abbiamo assistito a una campagna elettorale che è stata fatta interamente sulla pelle dei migranti – afferma Pape Diaw, membro della comunità senegalese fiorentina –  L’odio è stato veicolato attraverso i media. E l’italiano medio che ragiona di pancia e non con la testa si sente legittimato”. Nonostante alcuni momenti di tensione, come all’arrivo del sindaco Nardella (guarda il video), il presidio si è svolto senza particolari incidenti. “Sono qui per solidarietà, per abbracciare la comunità senegalese – spiega una donna calabrese, residente da anni a Firenze – sono più africana che fiorentina”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Padova, brucia la porta della moschea durante spoglio: tradito dalla tessera elettorale

next
Articolo Successivo

Roma, cocaina purissima nei locali vip: tra i 21 arrestati anche la nipote di Federica Mogherini

next