Chi sei? Da dove vieni? E, soprattutto, dove vuoi portarmi? Domande semplici, non bibliche e risposte altrettanto semplici. Abbiamo bisogno di gente nuova, è vero. Magari un tantino più onesta. Ed è vero. E magari un tantino più competente e avveduta. Ed è ancora vero. Allora mi son detto: qua ci vogliono i Cinquestelle! Scorro i nomi dei candidati e approdo invece all’idea che siano frutto di una selezione occasionale, provvisoria, superficiale. L’impressione è che scarta e scarta ma non si arriva mai al fondo del senso di marcia. Per quanti sforzi abbia fatto non ho ancora capito chi sia Luigi Di Maio. Perché abbia raccolto e proposto per il Parlamento un’espressione così variegata di idee, di volti e varie tipologie di onesti (con annessi furbi) che moltiplica – non riduce – il senso di causalità e aumenta – non riduce – il rischio di un fraintendimento di fondo. Io pensavo che mi conducessi verso quel sentiero e invece mi ritrovo su quest’altra via. Restare una nebulosa indistinta è certamente profittevole da un punto di vista elettorale perché non produce selezioni all’ingresso, chiama alla palingenesi, e chi non la vorrebbe?, chiede una condivisione primitiva o primordiale, onestà e bene comune, e chi non li cerca?, e pretende, se proprio, un solo certificato: quello penale. Ma è appunto un certificato. Che non racconta la nostra storia, le nostre battaglie e, soprattutto le nostre idee. Chi sei, da dove vieni e – soprattutto – dove vuoi portarmi?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se Emma Bonino rinuncia alle piazze e si mette comoda sul sofà (televisivo)

next
Articolo Successivo

Il robot e questa rubrica

next