Parcheggiare ovunque sulle strisce blu senza pagare, girare nelle aree pedonali e a traffico limitato come se nulla fosse, utilizzare le corsie preferenziali, guidare nel centro storico senza nessun problema: Agnese Renzi a Firenze può farlo. A bordo del suv a lei intestato. Grazie a un permesso (valevole fino al 2021) chiesto dalla segreteria del sindaco del capoluogo toscano (e renziano doc) Dario Nardella il 21 settembre 2017, ovvero quando l’ex Rottamatore non aveva più alcun ruolo istituzionale, e rilasciato dalla Sas, società che si occupa dei servizi alla strada del capoluogo toscano. “È l’ennesimo privilegio, uno schiaffo ai cittadini” accusano Francesco Torselli e Giovanni Donzelli, capogruppo in Consiglio comunale e candidato alla Camera in Toscana per Fratelli d’Italia, che hanno reso nota la questione. “È arrivata una richiesta direttamente dalla prefettura: motivi di sicurezza” spiegano dall’entourage del primo cittadino. Contattata da ilfattoquotidiano.it, la prefettura però smentisce: dagli uffici di Palazzo Medici Riccardi non risulta esser mai partita alcuna richiesta che riguardasse l’auto in questione.

Un groviglio che si ingarbuglia ulteriormente ogni volta che qualcuno del Pd fiorentino apre bocca. In un primo momento, imprecisate fonti dem fanno sapere alle agenzie di stampa che “il permesso era stato rilasciato a Matteo Renzi, avendone diritto prima come sindaco e poi ricoprendo cariche istituzionali. Un permesso – si legge ancora nella velina – di cui la famiglia Renzi continua ad avere diritto automaticamente avendo il segretario la residenza nel centro storico della città. Il permesso viene utilizzato per l’auto di famiglia intestata al leader del partito (l’unica che hanno)”. Una nota, tre bugie: Renzi non ricopre più cariche istituzionali, i residenti non possono transitare e parcheggiare dove vogliono, l’auto (come da visura Pra pubblicata dai due esponenti di Fratelli d’Italia) è intestata ad Agnese Landini Renzi, non all’ex sindaco.

A questo punto ilfattoquotidiano.it contatta direttamente lo staff di Dario Nardella, che spiega – come poi farà anche alle agenzie di stampa –  che quel permesso è il frutto di una richiesta arrivata direttamente dalla prefettura per motivi di sicurezza. Una richiesta, aggiungono da Palazzo Vecchio, che è documento riservato. Tradotto: non può essere reso noto, non è possibile visionarlo. Ma la procedura seguita – assicurano – è obbligata: le misure di protezione personale, in cui rientra anche la concessione dei permessi di circolazione speciali, vengono comunicate dalla prefettura al sindaco. Quest’ultimo non interviene personalmente, ma è la sua segreteria, sulla base di quanto comunicato dalla prefettura, ad attivare gli uffici. Dopodiché, il permesso lo rilascia la Sas e non il Comune. Sempre dallo staff di Nardella, inoltre, fanno sapere che l’ultima comunicazione della prefettura per le misure di protezione personale fa riferimento alla riunione di coordinamento delle forze di polizia del 25 settembre 2017. Quindi quattro giorni dopo la firma del permesso a circolare e parcheggiare ovunque concesso ad Agnese Renzi. Le date non tornano. E neanche il contenuto.

Contattata da ilfattoquotidiano.it, infatti, la prefettura di Firenze ha fatto sapere, dopo aver consultato gli uffici preposti, che da Palazzo Medici Riccardi non risulta esser partita nessuna richiesta di quel tipo per l’auto intestata ad Agnese Landini Renzi. Se la prefettura non ha chiesto nulla, quindi, l’iniziativa non può che essere arrivata dal sindaco Nardella, il quale – da regolamento comunale sulle ztl – ha facoltà di chiedere questo tipo di eccezioni. In pratica ciò che sostengono Torselli e Donzelli. Che parlano di un privilegio a tutti gli effetti. “È un vero e proprio schiaffo ai semplici cittadini. Questa vicenda – attaccano – mette in luce ancora una volta l’arroganza della sinistra al potere: i suoi esponenti fanno la morale e poi sottobanco concedono privilegi soltanto agli amici, calpestando i diritti di tutti gli altri”. Torselli e Donzelli, poi, oltre al documento della Sas e alla visura del Pubblico registro automobilistico pubblicano anche alcune fotografie che ritraggono l’auto in sosta e in transito in zone a traffico limitato e l’intero carteggio intercorso con Palazzo Vecchio sulla questione.

Che sembra sempre più una storia di piccoli favori tra amici di politica e di vita. Stando al regolamento del Comune, del resto, non ci sarebbero i requisiti per il pass. Perché Matteo Renzi non ha più nessun ruolo istituzionale, perché Agnese Landini Renzi non è residente a Firenze e perché, a leggere il documento di Palazzo Vecchio, poco o nulla conta il fatto che il segretario del Pd e sua moglie si siano trasferiti nel centro città dopo l’estate scorsa. Per un motivo semplice. Come in tutte le città d’Italia, chi ha diritto a un pass residenti (l’ex premier – dicono da palazzo di città – è residente nel centro storico) ha due facoltà: parcheggiare negli stalli riservati (a Firenze le cosiddette strisce bianche) e transitare nella zona in cui si trova l’abitazione. Agnese Renzi, invece, può andare e parcheggiare ovunque, come si legge nel documento della società Sas: “Su indicazione della segreteria del sindaco, contrassegno rilasciato per funzione ‘istituzionale-sicurezza’, valido per transito corsie e aree pedonali, sosta spazi residenti Ztl- Zcs e blu promiscui“. Insomma: valido per tutto. Più che un pass, un passepartout. “Per motivi di sicurezza, su richiesta del prefetto”. Una circostanza che supererebbe e annullerebbe i limiti imposti dal regolamento comunale. Se solo fosse vera.